Terra Madre 2016. Nostro cibo quotidiano. Veleno o medicina?

2
CONDIVIDI

terramadrevelenolnTORINO 2 SET. Prosegue il viaggio di avvicinamento di LN a “Terra Madre Salone del Gusto 2016” in programma a Torino dal 22 al 26 settembre prossimi.

”La teoria degli alimenti è di grande importanza etica e politica. I cibi si trasformano in sangue, il sangue in cuore e cervello; in materia di pensieri e sentimenti. L’alimento umano è il fondamento della cultura e del sentimento. Se volete far migliorare il popolo, in luogo di declamazioni contro il peccato, dategli un’alimentazione migliore. L’uomo è ciò che mangia” (da “Il mistero del sacrificio o l’uomo è ciò che mangia” di Ludwig Feuerbach, 1862).feuerbachln

Con l’affermazione “l’uomo è ciò che mangia”, il filosofo tedesco Feuerbach aveva già capito, più di un secolo e mezzo fa, che la nostra alimentazione è causa diretta della nostra salute e influisce in modo decisivo sul nostro benessere.

 

Negli ultimi anni, sovrappeso e obesità sono diventati un problema di salute pubblica nei Paesi occidentali. Per fare fronte al problema l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha sviluppato una linea guida intitolata “Strategia globale su dieta, attività fisica e salute” dove si legge: “Si consiglia l’aumento del consumo di frutta e verdura, la sostituzione dei grassi animali insaturi con quelli vegetali insaturi, la riduzione della quantità e delle proporzioni di grassi, sale e zucchero e l’attività fisica giornaliera”. Secondo l’Oms, circa un terzo delle malattie cardiovascolari e dei tumori potrebbero essere evitati grazie a un’alimentazione sana ed equilibrata. Tutto questo però potrebbe risultare troppo semplice: per stare bene basta mangiare bene, ma… cosa vuol dire mangiare bene?obesocamicialn

Al giorno d’oggi siamo costantemente bombardati da notizie, fatti e opinioni relativi al mondo del mangiare bene e restare in forma, un business da milioni di Euro. Rimaniamo sempre più spiazzati davanti alle innumerevoli scelte a nostra disposizione. E alla fine si cerca di fare del proprio meglio per barcamenarsi tra migliaia di prodotti, cercando di fare le scelte migliori con gli strumenti a disposizione. I dubbi però sono tanti e non sempre è facile capire cosa è meglio per la nostra salute: I prodotti “peso forma” e dietetici, faranno davvero bene? La farina utilizzata dalla grande industria farà poi così male? Che cosa sono gli zuccheri saturi? Potrò dare a mio figlio le merendine confezionate che vanno tanto di moda?

Un modo utile di approcciarsi a prodotti sani e buoni è sicuramente un ritorno alle origini, un “back to basics”. Si provi a immaginare questo scenario: voi e la vostra bisnonna in un supermercato moderno. Si immagini lo stupore nei suoi occhi nel vedere questa miriade di prodotti nuovi, sconosciuti, forse anche inutili, qualsiasi tipo di verdura e frutta a disposizione tutto l’anno, carne e pesce in quantità. Un consiglio potrebbe essere quello di stare alla larga da tutti quei prodotti frutto dell’industrializzazione moderna e invece di avvicinarsi a quelli che si pensa che anche la nostra bisnonna avrebbe avuto a disposizione.obesomelapaninoln

Questo deve fare riflettere: la nostra alimentazione è uno dei pochi aspetti su cui si possa agire per preservare la nostra salute e il nostro futuro. L’unico modo per riuscire a sovrastare questo tsunami di input diversi e fuorvianti è informarsi, cercare, leggere e approfondire. Seguire la filosofia Slow Food è già un ottimo punto di partenza: mangiare locale e stagionale, recandosi nei mercati contadini; chiedere sempre che i cibi che compriamo non siano stati trattati chimicamente; consumare meno carne ma di migliore qualità per evitare gli antibiotici presenti nella produzione di larga scala; leggere sempre le etichette evitando i cibi con ingredienti incomprensibili e limitare il consumo di zuccheri sono alcuni dei consigli che Slow Food fornisce per pensare alla nostra salute.terramadrefruttacentimetroln

Da dove iniziare quindi? Cosa mangiare? Quali prodotti evitare? Per aiutarci, tre grandi esperti parleranno a ”Terra Madre” alla conferenza “Il nostro cibo quotidiano: veleno o medicina?” in programma il 25 settembre dalle 11 alle 12:30 presso il Teatro Carignano in Piazza Carignano, 6.

Chi sono?

Franco Berrino, medico ed epidemiologo presso l’Istituto nazionale dei tumori di Milano. Il Dottor Berrino è uno dei massimi esperti della relazione fra alimentazione e salute ed è un convinto assertore dell’utilità di una dieta corretta per evitare l’insorgere del cancro. berrinofrancolnBerrino potrà fornire un punto di vista interessante su questioni attuali come il consumo di carne, proteine animali e zucchero.

 

Kathleen Sykes, tra i massimi esperti nello sviluppo di politiche per l’invecchiamento della popolazione e per la sostenibilità ambientale. Fa parte della “Mayor’s Age-Friendly Taskforce” a Washington DC, è Senior Advisor all’Agenzia per la Protezione Ambientale negli Usa e membro della “Gerontological Society of America”. La Dottoressa Sykes potrà fornire spunti sui consigli contenuti nelle politiche per fare “invecchiare” in modo corretto la popolazione.sykeskathleenln

 

Andrea Pezzana, moderatore dell’incontro, Direttore del Dipartimento di Dietetica e Nutrizione Clinica dell’Ospedale San Giovanni Antica Sede di Torino pezzanaandrealn docente della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Torino. Il dottor Pezzana collabora con Slow Food dando il suo contributo per scrivere la filosofia “slowfoodiana” relativa al tema cibo e salute.

 

Per il programma completo delle Conferenze e le prenotazioni visitare il sito www.slowfood.it.

Marcello Di Meglio

2 COMMENTI

  1. Vorrei che fosse ascoltato anche il dott. Mozzi , esperto dell’ alimentazione secondo natura e della dieta dei gruppi sanguigni.

LASCIA UN COMMENTO