Home Cronaca Cronaca Genova

Tar accerta mobbing e demansionamento per ispettore polizia

0
CONDIVIDI
Tar della Liguria

GENOVA. 7 GIU. Il Tar della Liguria oggi ha riconosciuto “una situazione di mobbing e demansionamento” ai danni di un ispettore di polizia genovese, che aveva fatto ricorso nei confronti del Ministero dell’Interno.

Il sottufficiale della Polizia di Stato si era rivolto al Tar per “una serie di comportamenti vessatori sia da parte della dirigente messa a capo del commissariato dove prestava servizio, sia dell’amministrazione del Ministero dell’Interno”.

Il Tar gli ha dato ragione perché, secondo i giudici, il poliziotto era stato ingiustamente trasferito ad un altro commissariato e demansionato.


L’ispettore di polizia aveva chiesto una provvisionale di 85mila euro per il presunto danno subito.

Ora toccherà al Centro militare di Medicina legale di Milano stabilire il nesso di causalità con i pregiudizi alla salute del ricorrente, nonché quantificare la somma del danno.

Per i giudici del Tribunale amministrativo, inoltre, si è verificata “una serie di episodi poco trasparenti che hanno evidenziato una situazione di conflittualità tra il ricorrente e la dirigente del Commissariato nonché la assenza di una adeguata gestione della situazione da parte della Questura di Genova. Il demansionamento in questione riunifica una molteplicità di condotte sotto un unico disegno vessatorio nei confronti del ricorrente”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here