Stupri Colonia, silenzio di Pd e femministe

0
CONDIVIDI
Toti, Rixi e Maroni a Bologna
Toti, Rixi e Maroni a Bologna: centrodestra compatto contro le donne violentate da immigrati a Colonia, ma il centrosinistra e le femministe genovesi tacciono
Toti, Rixi e Maroni: centrodestra compatto contro le donne violentate da immigrati a Colonia, ma centrosinistra e femministe genovesi tacciono

GENOVA. 7 GEN. Prima li difendono. Poi, quando i fatti dimostrano che i timori della gente sono più che fondati, tacciono. Sulle violenze sessuali di gruppo ad opera di un migliaio di immigrati nordafricani avvenuti a Colonia la notte di Capodanno, le femministe, il Pd e i radical chic genovesi finora non hanno speso una parola di condanna.

Ieri in Liguria, gli unici a condannare compatti gli stranieri violenti sono stati gli esponenti del centrodestra, con il governatore Giovanni Toti e il segretario della Lega Nord Liguria Edoardo Rixi, che per primi hanno postato anche su Facebook la loro indignazione: “Gli immigrati violentano le donne, basta buonismo”.

Oggi, sulla scia dei leader liguri scesi in campo in difesa delle donne violentate, si sono mossi altri leghisti, come il consigliere regionale Franco Senarega: “il governo Renzi ha intrapreso una strada che rischia di portarci nella direzione di Colonia” e il consigliere municipale Davide Rossi: “il terreno reso fertile dalla sinistra rende possibile gravissimi episodi come quello di Colonia, il periodo del buonismo deve finire”.

LASCIA UN COMMENTO