Studio Rebigo, nuovo polo dell’illustrazione a Genova

0
CONDIVIDI
Studio Rebigo
Studio Rebigo
Studio Rebigo

GENOVA. 23 MAG. Sono il doppio dei Cavalieri dell’Apocalisse, il triplo dei Moschettieri e più dei samurai di Kurosawa: infatti sono in nove. Sono giovani, hanno talento, fantasia e voglia di fare.

E dall’incontro di nove persone di questo genere che nasce “Rebigo”, uno studio d’illustrazione che ha progetti interessanti ed ambiziosi: riqualificare l’illustrazione nel territorio genovese dove, di fatto non esistono realtà simili.

Alcuni sono genovesi, altri sono genovesi d’adozione ed hanno deciso di intraprendere questa strada insieme proprio qui. L’idea di uno studio associato nasce nel 2015 e si concretizza però quest’anno: gli stili differenti, la formazione diversa così come le origini dei nove professionisti diventa una risorsa per l’intero gruppo che segue direttamente progetti curati da tutti.

 

Anche il nome è strettamente legato alla “Superba”: il termine genovese indica infatti sia un luogo piccolo e poco esposto di una casa ma anche un ghirigoro o svolazzo fatto con la matita. Un suono semplice e simpatico che si allinea perfettamente con lo spirito del collettivo. E scopriamo allora i nomi dei singoli componenti di questo progetto fatto di carta e matita ma anche di computer e di grafica, rigorosamente in ordine alfabetico: Matteo Anselmo, Matilde Martinelli, Valeria Nieves, Alessandro Mato Parodi, Silvia Robertelli, Luca Tagliafico, Ste Tirasso, Silvia Venturi ed Arianna Zuppello.

L’idea di fondo dello studio genovese è quella di creare una realtà innovativa che sia in grado di realizzare progetti editoriali, di comunicazione visiva e pubblicitaria, attraverso eventi che possano far scoprire al grande pubblico il lavoro che si cela dietro ogni singolo disegno. Illustrazione, spiegano gli autori, non è solo il fumetto o il cartone animato: dietro ad ogni immagine utilizzata per oggetti comuni, dal sacchetto di plastica alle –tende dell’Ikea- esiste un pensiero creativo ed uno studio effettuato. Un mondo complesso e poco conosciuto che si rivela al grande pubblico. Ed è proprio attraverso questo tipo di progetti che lo studio si propone sul mercato con iniziative molto differenti e del tutto originali.

Lavoro creativo in studio ma anche eventi differenti: molti dei soci di “Rebigo” si cimentano nel –live painting-, ovvero il disegno dal vivo in occasione di particolari manifestazioni. Si spazia dal “Premio Andersen”, dove il disegno va di pari passo con la narrazione di una storia, fino ad eventi musicali quali il “Goa-Boa”, dove il tratto della matita che sottolinea la musica è proiettata su di un maxischermo. Un momento davvero particolare che permette di rivelare il processo creativo nel momento stesso in cui avviene.

Tra i progetti realizzati dal neonato gruppo possiamo ricordare la partecipazione a “Gelatifestival” rassegna genovese sulla microeditoria e sulle fanzine che ha offerto all’illustrazione uno spazio realmente significativo. Dal punto di vista maggiormente commerciale, lo studio ha collaborato con “InLaboDesign”, impresa genovese che ha creato un originalissimo papillon in legno, le cui decorazioni sono state realizzate proprio dallo studio “Rebigo”. Un ottimo esempio di collaborazione tra realtà locali giovani e ricche di voglia di fare. Questo e molto altro stanno bollendo in pentola per i nove giovani illustratori: in occasione del Giro d’Italia, le nove matite hanno realizzato una serie di tavole sul ciclismo epico dagli anni Venti agli anni Settanta, illustrazioni basate su storie che ovviamente hanno come fulcro la grande passione per le biciclette. Questa iniziativa, realizzata insieme al “Collettivo Linea S”, diventerà un’interessante mostra della quale vi racconteremo presto.

Un gruppo giovane ed entusiasta, che ha voglia di fare e di creare ma anche di sviluppare un pensiero più ampio attorno alla sfaccettata realtà dell’illustrazione. E tutto questo si realizza nel capoluogo ligure, con l’ambizione di avviare un progetto innovativo per la nostra regione, capace di creare un impulso culturale ed anche occupazionale di alto livello. Il gruppo ha tutte le carte in regola per fare parlare ancora parecchio di sè…

Per scoprire le attività ed iniziative dello studio: www.rebigo.it, oppure su Facebook.

Roberto Polleri

LASCIA UN COMMENTO