STUDENTI DEL “FALCONE” PROTAGONISTI AGLI EUROPEI DI LOANO

0
CONDIVIDI

Gli studenti volontari agli Europei di nuoto
Gli studenti volontari agli Europei di nuoto
SAVONA. 17 NOV. Una cinquantina di studenti dell’ Istituto Secondario “ Giovanni Falcone” di Loano hanno collaborato alla buona riuscita di una manifestazione sportiva di livello europeo: i campionati continentali di nuoto DSISO. Il comitato organizzatore della DSISO-FISDIR si è complimentato con la dirigente scolastica per l’impegno e l’entusiasmo con il quale i ragazzi hanno svolto le proprie mansioni nel corso delle sei giornate della manifestazione. “ L’Istituto “G.Falcone” di Loano – ci ha detto la dirigente scolastica Ivana Mandraccia- ha partecipato all’ organizzazione dell’evento con il contributo di ben 50 studenti che, con diverse mansioni, sono entrati a far parte dello staff e del cui impegno siamo sinceramente orgogliosi. Abbiamo offerto ai nostri ragazzi l’ opportunità di conoscere e apprezzare l’impegno e la forza di volontà di questi atleti e siamo stati ricambiati con una dedizione e un senso di responsabilità che non sempre si incontrano nei giovani. Siamo convinti che questa esperienza abbia rappresentato una straordinaria occasione di maturazione contribuendo a educare i nostri allievi ai valori della solidarietà e della sana competizione sportiva. Concludiamo dunque la nostra partecipazione con un bilancio pienamente positivo che ci spinge a proseguire anche in futuro la nostra collaborazione con il Comitato Paralimpico”.
Altrettanto entusiasta si mostra Dario Della Gatta, presidente del Comitao Paralimpico ligure: “Il bilancio dei giochi è stato davvero entusiasmante. Abbiamo riportato a Loano un evento di livello internazionale dove sono stati battuti decine di record europei e mondiali. Gli atleti in gara hanno dato spettacolo e tutti hanno avuto gioie e soddisfazioni. Alla fine il ricordo più bello saranno i sorrisi felici di tutti: autorità, tecnici, atleti, allenatori, volontari, dirigenti, giornalisti, accompagnatori, cronometristi, organizzatori, staff e servizio d’ordine”.
Grande soddisfazione ha espresso anche Luca Pancalli presidente del Comitato paralimpico italiano. Entusiasti il pubblico che ha visto gli azzurri primeggiare nel medagliere e soddisfatti, l’amministrazione comunale di Loano, che ha sostenuto l’ iniziativa, i tecnici, i dirigenti e gli accompagnatori per questa kermesse natatoria che ha dato tante gioie all’ Italia ed ha portato a Loano, in un periodo di stagione morta per il turismo, migliaia di presenze da tutto il mondo (essendo questa manifestazione un evento Open e dunque aperta anche a nazioni extraeuropee).
Grande soddisfazione è stata espressa anche dal presidente nazionale FISDIR Marco Borzacchini: “ E’ stato un evento riuscito ed entusiasmante. L’Italia rappresenta a livello mondiale un modello per lo sport riservato ad atleti disabili intellettivi e relazionali, in particolar modo se ci riferiamo ad atleti con sindrome di Down, dove vantiamo una importante tradizione negli sport praticati a livello internazionale. Loano rappresenta una delle case del nuoto italiano, una città e un impianto che possono raccontare importanti successi di sport e di vita per ragazzi, per atleti che continueranno a fare il possibile per raggiungere i più importanti traguardi sportivi”.
Le gare loanesi, alle quali hanno preso parte più di 200 atleti di 20 nazioni, sono state organizzate dalla DSISO (Down Syndrome International Swimming Organisation) in collaborazione con la Fisdir (Federazione Italiana Sport Disabilità Intellettiva Relazionale). Fra i tanti sponsor della manifestazione, oltre alla Regione Liguria ed al Comune di Loano, la Rai Radio Televisione Italiana che ha seguito l’evento con una sua troupe per RaiSport, la Marina Militare, che ha inviato da La Spezia la sua celebre banda musicale militare, l’ Arma dei Carabinieri, con i suoi volontari, l’ Istituto Scolastico Statale Secondario Superiore “ Giovanni Falcone”, con i suoi cinquanta validissimi volontari e le decine di società ed associazioni sportive del comprensorio loanese.
“Ancora una volta – ha detto in conclusione Dario Della Gatta- il grande nuoto paralimpico ha fatto bene a scegliere Loano, che si è mostrata per quella che il Presidente C.I.P. Luca Pancalli ha definito “terra paralimpica nazionale” in quanto negli ultimi otto anni si sono tenute in terra loanese una media di 6 manifestazioni paralimpiche all’ anno, che possono svolgersi solo se una o più locations, sia sportive che ricettive, sono adeguate all’ accoglienza di tutte le disabilità. E solo se tutti in sinergia collaborano per la buona riuscita dell’evento. Per questo voglio ringraziare in particolare il sindaco di Loano Luigi Pignocca, l’assessore allo sport e vice sindaco Remo Zaccaria, i 50 studenti dell’ Istituto Falcone e la sua dirigente la preside Ivana Mandraccia per l’entusiasmo e la disponibilità con la quale hanno vissuto l’evento. E’ ben meritata dunque la famosa bandiera Lilla che nel 2014 è stata ottenuta dalla città di Loano. Voglio concludere ripetendo, così come ho già fatto in passato: se anche un solo ragazzo down, dopo aver visto una festa del genere si tufferà in acqua, o deciderà di fare dello sport, riteniamo di aver fatto centro”.
CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO