Home Cronaca Cronaca Imperia

STUDENTE SPACCIATORE ARRESTATO DALLA POLIZIA A VENTIMIGLIA

0
CONDIVIDI

IMPERIA.25GIU Nel primo pomeriggio di ieri C.P., uno studente di Camporosso di 17 anni, incensurato, è stato arrestato dagli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Ventimiglia al termine di un’articolata attività di indagine, condotta anche con appostamenti e pedinamenti.

Il giovane operava nella zona di Camporosso, Bordighera e Ventimiglia e, dopo un attento monitoraggio delle vie adiacenti la sua abitazione, venivano ricostruiti i movimenti dei “clienti” che si approvvigionavano dal ragazzo, studente in un istituto tecnico professionale della provincia di Imperia.

L’attività di educazione alla legalità, grazie alla sensibilità della Questura di Imperia su questi temi, in cui da anni sono impegnati i poliziotti di tutta la provincia, che si prodigano con passione per incontrare gli studenti nelle scuole e accoglierli negli uffici di Polizia al fine di aprirsi al dialogo e accrescere la reciproca conoscenza, ha dimostrato di poter condurre anche a risultati di pratica utilità per la comunità.
Le conoscenze e la disponibilità al dialogo, coltivate con cura e continuità, hanno consentito una più profonda conoscenza degli ambiti sociali frequentati dai ragazzi più giovani agevolando l’attività di prevenzione e purtroppo, in questo specifico caso, di repressione di comportamenti dannosi per gli stessi giovani coinvolti e per la comunità giovanile in particolare.


Il tentativo che con impegno viene perseguito, in stretta collaborazione con la Questura di Imperia, è quello di mettere un freno al consumo della droga da parte dei giovanissimi.

Una volta ricostruito lo schema della clientela, ieri si è proceduto al controllo di un
giovane che usciva dall’abitazione del giovane spacciatore; dalle sue tasche è spuntato un involucro di plastica con una dose di marijuana di cui, alla vista degli agenti, ha tentato inutilmente di liberarsi.

Gli investigatori si sono immediatamente presentati alla porta di C.P. per effettuare una perquisizione domiciliare. Dopo attente ricerche gli agenti hanno trovato, in una cantina, un sacchetto contenente circa due etti e mezzo di sostanza stupefacente, dello stesso tipo di quella che sequestrata poco prima, ma anche un bilancino elettronico di precisione utilizzato per pesare la droga e materiale utile al confezionamento delle dosi; tutto è stato sequestrato.

La sostanza stupefacente, del tipo marijuana, era stata abilmente nascosta in una pentola. Si consideri che quella quantità di sostanza è molto voluminosa essendo costituita da foglie e fiori secchi e pertanto più difficile di altre da trasportare e occultare.

In merito alla vendita effettuata poco prima, sulla scrivania della cameretta in uso al giovane, erano rinvenuti dieci euro indicati dallo stesso quale il corrispettivo per la cessione dello stupefacente.

Lo studente-pusher qualche ora dopo l’arresto e il fotosegnalamento è stato accompagnato nel carcere minorile dove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per i Minorenni.
ART M.R
Le indagini continuano per dare un volto agli altri spacciatori, mentre il resto della “clientela”,composta da giovanissimi, sarà comunque segnalato alle autorità competenti.

20130626-082947.jpg

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here