Home Cronaca Cronaca Savona

Stranieri stupratori di Rimini a casa Boldrini: procura indaga su frase Camiciottoli (Lega)

15
CONDIVIDI
Il post del sindaco Camiciottoli su Facebook

SAVONA. 6 SET. La Procura di Savona oggi ha aperto un fascicolo sulle frasi pubblicate nei giorni scorsi su Facebook dal sindaco leghista di Pontinvrea, Matteo Camiciottoli, con riferimento ai quattro stranieri accusati dei terribili stupri di Rimini.

Il primo cittadino del piccolo centro savonese aveva scritto: “Potremmo dare loro gli arresti domiciliari a casa della Boldrini, magari gli mettono il sorriso…Che ne pensate?” suscitando un coro di consensi, ma anche critiche e la dura reazione del ministro dell’Interno, Marco Minniti, che aveva chiesto al Prefetto di “attenzionare” il sindaco Camiciottoli.

Il caso è stato iscritto nel registro degli atti della procura che non costituiscono una notizia reato (modello 45). Ad indagare è il procuratore Sandro Ausiello, che dovrà stabilire se in quelle parole si possano ravvisare gli estremi di un reato.


“Non rinnego niente del mio post – ha dichiarato su Facebook il sindaco Camiciottoli – tranne la parte ‘le rimettono il sorriso’ che su una pagina ufficiale non avrei mai scritto, sulla mia da libero cittadino ‘esagerando’ ho scritto”.

https://www.facebook.com/matteo.camiciottoli

 

15 COMMENTI

  1. Vergognoso: al di là del post del sindaco ho visto più clamore e commenti da forze politiche e company su questa dichiarazione che sullo stupro ! Concentriamoci sul grave fatto commesso in modo da non lasciare questi pericolosi individui in circolazione e lasciamo stare le polemiche inutili grazie

  2. Ma le procure non hanno proprio niente di serio di cui occuparsi? Quello del Sindaco è del tutto congruo e assolutamente giustificato dal BOMBARDAMENTO pro-selvaggi a cui siamo continuamente sottoposti dal soggetto in questione!!! Bravo Sindaco!

  3. Spero solo che dopo le prossime elezioni tutti questi schifosi traditori della patria e complici di terroristi assassini e stupratori, debbano scappare dall’Italia per evitare la fucilazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here