Stasera Marco Paolini alla Corte con Numero Primo

0
CONDIVIDI
Stasera Marco Paolini alla Corte con Numero Primo

GENOVA. 29 NOV. Da questa sera, martedì 29 novembre alle ore 20,30 torna a Genova Marco Paolini, con il suo nuovo spettacolo “Numero primo”. La regia dello spettacolo, prodotto da Jolefilm, è dello stesso Paolini che ne è anche l’autore insieme a Gianfranco Bettin.

Autore e interprete di un repertorio che appartiene al cosiddetto teatro civile, Paolini si occupa di teatro dagli anni settanta. La sua attività si distingue per il gusto dello studio dei testi e della ricerca delle fonti e per l’accostamento continuo dei fatti a trovate teatrali spesso dissacranti e ironiche; i suoi spettacoli, in questo modo, affrontano tematiche complesse. I suoi spettacoli sono per la gran parte sviluppati in monologhi spesso recitati in lingua veneta – è considerato uno dei massimi esponenti della cosiddetta “prima generazione” di quel “quasi-genere” solitamente definito come teatro di narrazione: un teatro che, sulla scia della lezione del Mistero buffo di Dario Fo, si fonda sul racconto di un performer che – senza trucco, costumi o scenografia – assume la funzione di narratore, con la propria identità non sostituita, cioè senza interpretare un personaggio.

“Numero primo è una storia che racconta di un futuro probabile fatto di cose, di bestie e di umani rimescolati insieme come si fa con le carte prima di giocare. – dice Paolini-  L’orizzonte immaginato riguarda i prossimi 5000 giorni e solo pensando a quanto il mondo delle cose sia cambiato nei 5000 giorni appena trascorsi, risulta quantomeno necessario guardare al futuro con il beneficio del dubbio rispetto a ciò che oggi è ancora inverosimile”.

 

Lo spettacolo è stato scritto dallo stesso Paolini con la collaborazione di Gianfranco Bettin,  ed è concepito come un nuovo “Album”, una delle numerose ed amatissime biografie collettive con cui in oltre vent’anni, Paolini ha saputo “fotografare” vizi e virtù dell’Italia e degli italiani. “Numero primo” sarà sul palco della Corte fino a domenica 4 dicembre.

FRANCESCA CAMPONERO
Per ulteriori informazioni: www.teatrostabilegenova.it

LASCIA UN COMMENTO