Staglieno diventa digitale: un nuovo modo per vedere il cimitero

5
CONDIVIDI
Staglieno diventa digitale: un nuovo modo per vedere il cimitero

GENOVA. 4 OTT. E’ stato presentato questa mattina un nuovo modo di visitare Staglieno. Da sabato 8 ottobre la rete wi-fi museale installata all’interno del Cimitero Monumentale consente infatti al visitatore di accedere gratuitamente e ad alta velocità a diversi contenuti multimediali che lo accompagnano alla scoperta dei suoi tesori, connettendosi alla rete wifi “Staglieno”:

Ecco i nuovi contenuti multimediali che potranno essere usati dal visitatore: un’audioguida (in italiano e in inglese); le schede dei principali monumenti presenti all’interno del Cimitero
Monumentale corredate da foto; diverse videoclip su Staglieno e sul lavoro degli artigiani che lavorano alla sua
manutenzione che suggeriscono percorsi di visita inattesi.

Un gioco interattivo che mostra al visitatore le connessioni fra la struttura del complesso monumentale e l’architettura urbanistica della Genova ottocentesca, sfidandolo a riconoscere Staglieno e il centro città.

 

Un pdf con un percorso alla scoperta della città ottocentesca, che collega il centro al Cimitero di Staglieno, superando la rappresentazione periferica che di fatto ha caratterizzato per troppo tempo il sito funerario di Staglieno.
La rete museale è stata realizzata nell’ambito dei due progetti: Il Museo più Grande del Mondo e La Fabbrica di Staglieno che hanno visto la collaborazione tra Arci Genova, Comune di Genova.

Il progetto Il Museo più Grande del Mondo, realizzato nell’ambito del bando “Attività di valorizzazione dei beni culturali e iniziative in ambito artistico” promosso da Compagnia di San Paolo nel 2015, ha l’obiettivo di valorizzare Staglieno come museo a cielo aperto, strettamente connesso alla città e ai percorsi turistici che l’attraversano.

Il progetto La Fabbrica di Staglieno, sostenuto da Fondazione TIM attraverso il bando “Beni Invisibili, Luoghi e Maestria delle Tradizioni Artigianali”, ha l’obiettivo di valorizzare il Cimitero Monumentale promuovendo la conoscenza dei mestieri legati all’arte funebre.

Alla presentazione erano presenti l’assessora ai Servizi Civici e Cimiteriali Elena Fiorini e Roberto Timossi della Compagnia di San Paolo. (video di Marco Marchelli).

5 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO