Spezia-Salernitana, Di Carlo “Motivati per l’esordio in campionato”

0
CONDIVIDI
Il mister dello Spezia Di Carlo
Di Carlo
Di Carlo

LA SPEZIA 25 AGO.  Alla vigilia di Spezia-Salernitana, gara che aprirà ufficialmente il campionato di Serie B ConTe.it 2016-2017, il tecnico aquilotto Mimmo Di Carlo si dice fiducioso e carico, ma il primo pensiero è ovviamente per le vittime del terremoto che ha colpito il centro Italia: “Siamo vicini alla gente che sta vivendo una tragedia immane, non ci sono parole per quello che è successo ed è importante che tutti diano il loro contributo; eravamo a Norcia in ritiro, conosciamo bene quelle zone, siamo sconvolti per quanto accaduto.

E’ difficile parlare di calcio, ma domani si inizia quindi dobbiamo farlo. Sono 23 i convocati per la gara inaugurale, ad eccezione di Cisotti, ancora alle prese con il percoso riabilitativo, dello squalificato Mastinu e di Barbato e Juande, quindi possiamo dirci soddisfatti di essere arrivati alla prima con tutta la rosa a disposizione.

Siamo fiduciosi, le sensazioni sono molto positive e sono sicuro che domani faremo una gran bella partita, tenendo i ritmi alti e mettendo in mostra le nostre qualità migliori, ovvero l’organizzazione di gioco e la compattezza; stiamo lavorando molto in merito alla gestione dei vari momenti della gara, bisogna infatti essere bravi non solo a gestire il vantaggio, ma anche quando si attraversano delle difficoltà. Ad ogni modo, se si vuole essere competitivi devono esserci forti motivazioni e a noi non mancano.

 

Ho le idee chiare, l’unico dubbio riguarda il ballottaggio Okereke-Piu sulla sinistra; loro davanti hanno calciatori importanti come i nostri, non dovremo dare spazio alle loro ripartenze e sarà l’atteggiamento a fare la differenza.

Tocca a noi aprire il campionato, sarà un bellissimo spot per lo Spezia Calcio e per tutta la città, pertanto dovremo cercare di rendere la serata davvero indimenticabile e per farlo abbiamo a disposizione 95′, non dobbiamo dimenticarlo.

Il Mercato? Sono in piena sintonia con quanto sta facendo la società, noi abbiamo avuto l’80% della rosa da subito, non so quante altri allenatori tra Serie A e Serie B possano dire la stessa cosa; chi arriverà sarà funzionale e motivato, saprà fare la differenza. I giovani? Le nostre scelte sono sempre fatte per valorizzarli, ci vuole pazienza, ma solo aiutandoli a crescere si può sperare in un grande futuro”.

LASCIA UN COMMENTO