Spezia, l’ad Micheli “Vittime di errori arbitrali clamorosi”

0
CONDIVIDI
Tifosi dello Spezia
Tifosi dello Spezia
Tifosi dello Spezia

LA SPEZIA 29 MAG.  Al termine dell’incontro che ha visto il Trapani imporsi di misura sulle Aquile, è l’Amministratore Delegato dello Spezia Calcio, Luigi Micheli, a presentarsi nella sala stampa del “Picco” per esprimere il pensiero della Società in merito ad alcuni episodi che rischiano di minare sul finale un campionato bello ed avvincente come quello cadetto:

“Il mio lavoro è un altro, non quello di parlare al termine di una partita di calcio, ma credo che sia arrivato il momento di chiedere rispetto per tutta la Società, per la piazza spezzina e per tutta la squadra. Siamo una Società limpida, in regola sotto tutti i punti di vista, che non ha nemmeno un debito nei confronti delle banche e che sta vedendo vanificati i propri sforzi in seguito a clamorosi errori di valutazione da parte di chi ha il compito di garantire il corretto svolgimento di una partita. Questo è inaccettabile, anche perchè un errore può capitare, ma due sviste così evidenti in altrettanti partite dei playoff non possono essere sottaciute.

Sono convinto che a Trapani nulla si ripeterà, tutto sarà attenzionato a dovere, e nessuno potrà lamentarsi di niente, ma mi pareva giusto sfogarmi a nome di tutta la Società, perchè è una situazione che non può farci piacere e non riteniamo giustificabile. Davvero non riesco a capacitarmi di come possano accadere errori del genere in partite così importanti, soprattutto dove, oltre all’arbitro, c’è un addizionale per porta, che deve fornire un supporto decisivo, deve aiutare il direttore di gara, ma per quanto visto, potremmo evitarli, risparmiamo almeno, così aumenta il dispiacere, il rammarico.

 

Uno sfogo tardivo? Noi ci siamo sempre fatti sentire attraverso i canali opportuni, nel rispetto delle regole, come deve fare una Società modello, che cerca non la polemica, ma il confronto costruttivo tra le parti; ora la misura è colma, la delusione tanta, chiediamo rispetto e lo facciamo a gran voce.

La Social Sport cede? La Social Sport non intende vendere, non esistono trattative per l’acquisto della Sampdoria, così come non esistono trattative per cedere lo Spezia ad altri. Il Presidente Onorario è sempre presente ed oggi è veramente rammaricato per quanto accaduto, così come lo siamo tutti noi. Qualcuno ama mettere in giro voci non vere, evidentemente con l’obiettivo di danneggiare questa Società, ma io ripeto ancora una volta, lo Spezia non è assolutamente in vendita”.

LASCIA UN COMMENTO