Home Sport Sport Genova

Spezia, De Col “Dovremo essere un gruppo compatto”

0
CONDIVIDI
Spezia

LA SPEZIA 11 APR.  E’ Filippo De Col a presentarsi nella sala polifunzionale del “Bruno Ferdeghini” alla ripresa dei lavori in casa Spezia Calcio, per parlare del recente momento positivo delle Aquile e del prossimo incontro, che vedrà gli uomini di Mimmo Di Carlo impegnati a Cesena: “Il cambio di modulo ci ha consentito di ritrovare compattezza e determinazione, aspetti fondamentali in un campionato duro ed equilibrato come quello di Serie B; l’importante è portare a casa i tre punti, l’essere belli non è la priorità e giocando così compatti e corti rischiamo molto di meno, dato che quando si commette un errore, c’è sempre un compagno vicino pronto a rimediare. Personalmente, in questo ruolo mi sento più libero di poter attaccare, avendo un difensore in più alle spalle, ma sono sempre pronto a tutto ed a disposizione del mister, l’importante è giocare ed aiutare la squadra ad ottenere risultati positivi.

Il ritiro? Deve essere accettato, a tutti piacerebbe restare a casa propria, ma in quei giorni che hanno seguito il ko con il Benevento abbiamo consolidato ulteriormente il nostro rapporto, parlato molto e capito quali erano quegli errori che ci stavano mettendo in difficoltà.

Per vincere è determinante la mentalità e noi in questo momento abbiamo imboccato la via giusta, pronti a giocare tutte le partite che rimangono al massimo delle nostre potenzialità, pensando una gara alla volta, senza preoccuparci dei risultati dei nostri avversari.


Le critiche? Ogni giocatore deve mettersi in discussione e cercare di migliorare partita dopo partita; nel calcio momenti positivi e negativi si alternano e fanno parte del gioco, l’importante è non fermarsi mai ed aver sempre la voglia di crescere sotto tutti i punti di vista.

La Serie B di quest’anno è particolarmente equilibrata rispetto alle stagioni passate, niente è ancora deciso e tutti devono lottare per raggiungere il proprio obiettivo; lo Spezia è una squadra con gli attributi, ha tutto per raggiungere traguardi importanti, ma per farlo è fondamentale pensare una gara alla volta, mantenendo alta la concentrazione e tenendo in testa l’elmetto, perchè fino all’ultima gara della stagione dovremo essere pronti alla battaglia.

Il Cesena? E’ cambiato tanto dallo scorso anno, basta pensare a Caldara, Kessie, Ragusa e Sensi, ma il “Manuzzi” resta comunque un campo complicato, sia per il pubblico che per il terreno, pertanto dovremo giocare da Spezia per ottenere i tre punti.

Maggiore? E’ capitato anche a me di vestire l’azzurro, la Nazionale è una vetrina importate, è un’onda positiva che un ragazzo giovane con le sue qualità deve assolutamente sfruttare al meglio; Giulio ha umiltà e intelligenza, continuando così diventerà un giocatore di assoluto livello”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here