Spezia, Corradino “Progetto incentrato sui giovani”

0
CONDIVIDI
Pollicardo riceve dal Presidente dello Spezia Corradino la maglia personalizzata
Presidente dello Spezia Corradino
Presidente dello Spezia Corradino

LA SPEZIA 25 GIU. E’ la sala riunioni del C.S. “Bruno Ferdeghini” la location scelta per ospitare la conferenza stampa con la quale il Presidente Andrea Corradino ha voluto tracciare le linee guida della stagione ormai alle porte. A prendere per primo la parola il Numero Uno aquilotto che, dopo aver elogiato il lavoro fatto dal team guidato da Mimmo Di Carlo, ha rassicurato sulle volontà della Società di via Melara, pronta a fare ancora una volta la propria parte per portare in alto le Aquile:

“Sembrava doveroso fare un punto della situazione in vista dell’imminente inizio della prossima stagione che ufficialmente prenderà il via il 1 luglio. In questi mesi le voci intorno allo Spezia sono state veramente tante, ma la verità è che il progetto continua con immutata determinazione, con il solito entusiasmo e la ferma volontà di tenere alto il nome dello Spezia Calcio. In questo momento non esistono situazioni che possano far pensare ad una cessione della Società, nessuno ha mai chiesto i conti all’Amministratore Delegato e la Proprietà non ha mai palesato la volontà di cedere, ma al contrario ha espresso la propria soddisfazione per un girone di ritorno esaltante e per aver conquistato una semifinale playoff che mai era stata agguantata. Tutto l’ambiente ha sostenuto ed apprezzato una squadra che non solo ha dimostrato di saper giocare, ma anche di saper ottenere risultati importanti con una continuità che difficilmente si era vista in riva al Golfo, soprattutto in Serie B.

In questo momento colpisce l’armonia totale, si vive e si lavora con estrema serenità; questo ha contribuito ad ottenere risultati positivi, nonostante qualche voce destabilizzante di troppo, sulla quale però la Società ha saputo passare sopra, dimostrando unità di intenti e grande autorevolezza.

 

Il nostro progetto va avanti con un budget importante per la categoria, determinati a fare calcio così come è giusto farlo al giorno d’oggi, prendendo a modello realtà di provincia che da anni stazionano nella massima serie e che ottimizzano al meglio le risorse derivanti dai diritti tv e dalla Lega, senza costringere le varie proprietà ad investire ulteriore denaro per far quadrare i conti. Bisogna spendere in maniera intelligente, i recenti campionati parlano chiaro, basta vedere che nella classifica degli ingaggi relativa allo scorso campionato, il Crotone era penultimo e il Trapani terzultimo, a dimostrazione che non bisogna per forza avere dei grandi nomi per fare ottenere risultati eccellenti.

Carpi, Frosinone ed Empoli in passato avevano già dimostrato come i risultati possono arrivare spendendo bene ed investendo sui giovani, modello che noi stiamo cercando di seguire, proseguendo sulla strada dell’abbattimento dei costi, della valorizzazione dei nostri giovani, puntando su calciatori motivati e ambiziosi come sarà sicuramente Iemmello.

In ritiro troveremo Bastoni, Ceccaroni, Vignali, Ciurria, Maggiore, Okereke, Saloni, Teophilus, Crocchianti, senza dimenticare De Col che è un ’93 di grande affidamento; vogliamo credere nei nostri giovani, dargli la possibilità di sbagliare e di crescere, convinti che solo puntando su chi ha davvero fame si possa arrivare in alto. Non dimentichiamoci che partiamo da una base importante, abbiamo una difesa solida, un centrocampo esperto ed un attacco con tanti calciatori importanti, quindi siamo fiduciosi, anche se prima, come tutte le altre, cercheremo di mettere insieme i canonici 50 punti per mantenere la cadetteria, il resto verrà da sè.

Fare calcio in questo modo non significa fare passi indietro, bensì vuol dire essere proiettati al futuro, dare basi solide non solo economiche, ma anche sportive, sempre tenendo conto dei parametri economici che devono forzatamente essere rispettati. Ripeto, questa è una Società solida come poche altre, ma ciò non vuol dire spendere a caso per acquistare una figurina, bensì spendere con attenzione per portare in maglia bianca chi può fare la differenza e dimostrare veramente l’attaccamento ai colori che tutti noi amiamo”.

LASCIA UN COMMENTO