Spezia-Como, Di Carlo “Amareggiato per il Pari”

0
CONDIVIDI
Mimmo Di Carlo
Mimmo Di Carlo
Mimmo Di Carlo

LA SPEZIA 24 DIC. Tocca a Mimmo Di Carlo analizzare il pareggio casalingo con il Como, una gara che ha visto gli aquilotti passare immeritatamente in svantaggio, prima del pareggio firmato da Nenè e di un assedio finale che però non ha portato al gol da tre punti: “Quella di questa sera è una partita che va analizzata a 360°. Sicuramente siamo rammaricati per non aver portato a casa i tre punti davanti ai nostri tifosi, regalandoci così una classifica migliore, ma un dato importante è anche il fatto che pur in svantaggio non ci siamo mai disuniti, trovando subito il pareggio e sfiorando il gol in almeno un altro paio di occasioni a dir poco nitide.

Il Como è stato bravo e veloce nelle ripartenze, mentre noi questa sera non siamo stati rapidi nella circolazione della palla, complice la stanchezza che inizia a farsi sentire dopo così tante partite ravvicinate. La squadra ha dato tutto quello che aveva per fare i tre punti, ma purtroppo non siamo riusciti nel nostro intendo, questo ci dispiace, ma non dobbiamo fare drammi, bensì pensare alla gara di Ascoli dove cercheremo di riprenderci quanto lasciato oggi.

Dobbiamo giocare corti, oggi abbiamo dimostrato che quando ci allunghiamo non riusciamo ad essere aggressivi come al solito e per gli avversari tutto diventa più facile; gli attaccanti oggi non sono stati perfetti in fase difensiva, ma quando hanno lavorato bene si è visto, abbiamo recuperato qualche pallone importante e ci siamo resi pericolosi.

 

Siamo stati un pò troppo prevedibili, anche se in diverse occasioni siamo comunque riusciti a pungere i nostri avversari, ma in gare come queste tutto può accadere e lo dimostra il fatto che nel nostro momento di massima pressione, è arrivato il loro gol al termine di una ripartenza sugli sviluppi di un nostro calcio d’angolo; sicuramente dobbiamo migliorare sotto diversi aspetti e le palle inattive sono uno di questi, ma per farlo serve il tempo che non abbiamo avuto fino ad ora. Ad ogni modo da questa partita porto a casa la voglia della mia sqaudra di provare fino in fondo a vincere la gara, fattore fondamentale per il prosieguo e che ci permette di guardare al futuro con fiducia.

Il fallo su Azzi mi pareva evidente, così come un tocco di mano in area sulla rovesciata di Nenè, ma non dobbiamo cercare alibi negli episodi sfavorevoli, bensì essere consci che nelle prossime gare ciò che è mancato oggi, magari girerà a nostro favore. I rigoristi? Avevo designato per primo Calaiò e per secondo Nenè, così una volta subentrato Catellani tutto è rimasto invariato, ma la prossima volta sarà Andrea a batterlo.

Ciurria? Ha avuto qualche problema nell’ultimo allenamento e purtroppo non abbiamo potuto schierarlo; oggi ci avrebbe fatto molto comodo, ma ringraziamo Josip Misic per quanto fatto in un ruolo che non è il suo e nel quale ancora una volta ha dimostrato grande spirito di sacrificio.

La Serie B non è mai scontata, il Como è ultimo, ma ha pareggiato a Cagliari e perso altre gare per via di episodi, noi lo sapevamo ed abbiamo provato ad interpretare la gara come nelle ultime uscite, ma non siamo riusciti a tenere i ritmi alti come avremmo voluto. Faremo di tutto per chiudere l’anno in bellezza”.

LASCIA UN COMMENTO