Spezia-Cesena, Di Carlo “Aggressività e Concentrazione”

0
CONDIVIDI
Mimmo Di Carlo
Mimmo Di Carlo
Mimmo Di Carlo

LA SPEZIA 1 MAR.  Ottenuta sabato la terza vittoria consecutiva, per Mimmo Di Carlo e le sue Aquile domani sera sarà già tempo di una nuova battaglia, questa volta contro il Cesena, ex squadra del tecnico cassinate ed attualmente quarta forza della classe, distante solo tre lunghezze da Terzi e compagni: “Vertigini? Non voglio nemmeno sentirne parlare perchè questa è una squadra che è stata costruita per puntare in alto, ha avuto momenti negativi nel corso del campionato, ma ha saputo ritrovare fiducia nei propri mezzi tramite il sacrificio ed il duro lavoro quotidiano; il nostro percorso di crescita non è ancora completato, di sicuro puntiamo ad essere nei playoff il 21 maggio, ma per esserci la strada è ancora lunga e piena di insidie.

La squadra sta crescendo sotto tanti aspetti, non solo dal punto di vista caratteriale, ma anche fisico e tattico, riproponendo il sabato quanto preparato durante la settimana, ma alla fine è sempre l’atteggiamento a fare la differenza, perchè solo mantenendo la giusta concentrazione per tutta la durata dell’incontro si riescono ad evitare pericoli e noi dobbiamo essere bravi a concedere poco ai nostri avversari, indipendentemente dalla posizione in classifica che occupano.

Gare così ravvicinate di certo non consentono di recuperare calciatori che hanno accusato qualche problema nel turno precedente, infatti Situm sicuramente non sarà della gara a causa di una botta presa contro la Ternana, ma per il resto i ragazzi stanno bene, abbiamo recuperato Calaiò che dunque sarà tra i convocati, così come almeno uno dei due lungodegenti Martic e Kvrzic, entrambi ristabiliti ed al lavoro con il gruppo già da ieri. L’assenza di Situm può anche essere un’opportunità per vedere in campo calciatori con qualità differenti da quelle di Mario, ma l’importante è che l’atteggiamento collettivo non cambi, consentendo a chiunque giocherà di mettere in mostra le proprie qualità.

Sul gol subito a Terni, che ha posto fine all’imbattibilità della nostra porta, è stato molto bravo Ceravolo, ma io non guardo ai record, quelli preferiamo lasciarli ad altri; noi piuttosto ci concentriamo sul lavoro e sull’organizzazione di gioco, cercando di mettere in evidenza le qualità dei singoli grazie ad essa e facendo tutto il possibile per crescere ulteriormente, soprattutto nella velocità del gioco e della circolazione della sfera.

 

Il Cesena? Se guardo ai romagnoli vedo la difesa dello scorso anno ed una squadra che può contare su l’apporto di tanti giovani di spessore, determinati e con grandi qualità, pertanto per me il Cesena è una formazione ben costruita, che lotterà fino alla fine per aggiudicarsi una posizione di vertice, forte delle numerose alternative che ha in ogni ruolo, basta pensare ai vari Ragusa, Ciano e Falco in avanti; contro il Cagliari hanno fatto un’ottima gara, giocando benissimo tra le linee e ripartendo sempre con grande velocità, interpretando un gioco molto simile al nostro, pertanto dovremo essere molto attenti e non dare mai nulla per scontato.

Nel Cesena, anche quando cambiano gli interpreti non cambia l’atteggiamento e la loro classifica parla chiaro al riguardo, ma noi dobbiamo pensare in primis ad esprimerci al meglio, cercando di essere più veloci e concreti rispetto alle ultime uscite casalinghe, perchè quando si incontra una squadra forte come quella romagnola, è importante cercare di finalizzare le occasioni che si creano, anche perchè come abbiamo visto, in Serie B tutto può accadere ed in un attimo l’andamento di una gara può cambiare direzione senza alcun preavviso.

Il Cesena ha la miglior difesa del campionato, non sarà facile per noi, ma nemmeno per loro, e mi aspetto una partita aperta a qualsiasi risultato, nella quale tutte e due le squadre cercheranno di prevalere sull’altra; dovremo essere autori di una grandissima prestazione, caratterizzata da aggressività, concretezza e ritmi alti, senza mai perdere la concentrazione.

Non dobbiamo guardare al match d’andata, loro meritarono la vittoria, ma è un capitolo passato. Noi ora dobbiamo pensare esclusivamente a scendere in campo con coraggio, umiltà ed intelligenza, sarà una partita che vale tre punti come tutte le altre e per portarli a casa dovremo essere molto attenti, cercando di commettere meno errori possibili”.

LASCIA UN COMMENTO