Spezia, Bjelica “Mancati Aggressività e Carattere”

0
CONDIVIDI
L'allenatore dello Spezia Bjelica
L'allenatore dello Spezia Bjelica
L’allenatore dello Spezia Bjelica

LA SPEZIA 4 OTT. Dopo tre successi consecutivi, sul terreno del “Biondi” è arrivato un pareggio che non soddisfa il tecnico aquilotto Nenad Bjelica, non solo per il risultato, ma soprattutto per la prestazione offerta dai suoi ragazzi, specialmente nella prima frazione di gioco: “Nel primo tempo la squadra non mi è sembrata concentrata come nelle ultime partite, non siamo riusciti ad esprimere il nostro gioco, concedendo tanto ai nostri avversari. E’ vero che abbiamo anche creato due occasioni molto pericolose, ma una squadra come la nostra deve fare qualcosa di più ed avere un atteggiamento differente per riuscire a vincere. Nella ripresa abbiamo tenuto meglio il campo, siamo diventati più solidi, non concedendo più nulla ai nostri avversari, ed abbiamo ugualmente creato un paio di azioni pericolose, una con Brezovec e l’altra con Calaiò, quella del calcio di rigore non concesso dal direttore di gara. Il rigore? Ho una mia idea sull’accaduto, ma preferisco evitare commenti, è l’arbitro a prendere certe decisioni e noi dobbiamo rispettarle.

Con quella di oggi sono cinque i turni positivi, dobbiamo continuare così e migliorare grazie al lavoro che svolgiamo quotidianamente, ma il pensiero deve essere rivolto soltanto alla prossima partita contro la Ternana, anche perchè siamo soltanto all’inizio di una stagione lunghissima e nella quale ogni domenica bisognerà lottare al massimo per portare a casa i tre punti. Sappiamo che non si può vincere sempre, ma l’atteggiamento di oggi non è stato da Spezia, mi aspetto molto di più dai miei ragazzi quando giochiamo fuori di casa, perchè senza intensità ed aggressività non si possono cogliere risultati importanti. Ad ogni modo, nella ripresa siamo cresciuti, ma il terreno non ci ha aiutato ad esprimere il nostro gioco, perchè se da una parte è vero che le pessime condizioni del rettangolo verde hanno influito sulla manovra di entrambe le squadre, dall’altra è altrettanto vero che il nostro gioco si basa su passaggi ravvicinati, mentre oggi siamo stati costretti a ricorrere spesso al lancio lungo, dato che giocare in orizzontale era praticamente impossibile.

La Virtus Lanciano è una squadra molto solida, aggressiva ed esperta, sempre pericolosa sulle palle inattive e che oggi ha interpretato un ottimo primo tempo e che nei primi 45′ avrebbe meritato qualcosa in più, mentre noi avremmo meritato qualcosa in più nella ripresa.
Chi mi conosce sa bene che io non sarò mai contento con un pareggio, voglio vincere sempre contro chiunque e su ogni campo, ma per quanto si è visto oggi il risultato è assolutamente giusto.

 

Canadjija? E’ stato uno dei più positivi, ha interpretato bene la gara, facendo quanto gli era stato richiesto ed anche nella prima frazione ha svolto il suo lavoro al 100%, sfiorando anche la rete del vantaggio, ma per me non è certo una sorpresa, perchè ogni volta che ha la possibilità di giocare, Dario offre sempre prestazioni all’altezza”

LASCIA UN COMMENTO