Spese pazze in Regione. Chiesto processo per 25 politici

0
CONDIVIDI
Crack Roto Alba: arrestati ai domiciliari i genovesi Basile
Spese pazze in Regione. in 25 verso il processo
Spese pazze in Regione. in 25 verso il processo

GENOVA. 3 AGO. E’ stato chiesto il processo per 25 politici indagati per peculato e falso per le spese pazze in Consiglio regionale tra il 2010-2012.

Tra questi l’assessore regionale allo Sviluppo Edoardo Rixi, il presidente del Consiglio Francesco Bruzzone, della Lega, l’allora vicepresidente del Consiglio Michele Boffa (Pd), l’ex capogruppo Pd Antonino Miceli, l’ex presidente del Consiglio Rosario Monteleone (Udc).

Archiviazione per l’ex assessore Renzo Guccinelli (Pd) e l’assessore all’Urbanistica Marco Scajola (FI).

 

Il pm Pinto, chiudendo di fatto le indagini sulle cosiddette spese pazze in Regione Liguria tra il 2010 e il 2012 ha chiesto il rinvio a giudizio anche per l’attuale capogruppo di Fratelli d’Italia Matteo Rosso, l’allora consigliere Udc Massimo Donzella, per il tesoriere del Pd Mario Amelotti, per Marco Melgrati e Luigi Morgillo, all’epoca dei fatti in Forza Italia; Maurizio Torterolo (Lega Nord), Gino Garibaldi, Franco Rocca e Alessio Saso all’epoca Pdl oggi in Ncd.

Ed ancora per Marco Limoncini (Udc), Ezio Chiesa (Liguria Viva) e Armando Ezio Capurro entrati in consiglio con la lista del presidente Burlando, Aldo Siri, Alessandro Benzi e Matteo Rossi (Sel), le ex consigliere di Forza Italia Raffaella della Bianca e Roberta Gasco, l’ex consigliere della Federazione della sinistra Giacomo Conti e gli ex Idv Marylin Fusco e Stefano Quaini solo relativamente al 2012.

Altre indagini, a cura del procuratore aggiunto Nicola Piacente avevano riguardato tutto l’ex gruppo dell’Italia dei Valori in Regione. Maruska Piredda e Stefano Quaini, che hanno scelto il rito abbreviato e sono stati condannati in primo grado rispettivamente a 2 anni e 8 mesi e 2 anni e 4 mesi, mentre i loro colleghi Niccolò Scialfa, Marylin Fusco, l’ex deputato Giovanni Paladini e il tesoriere del gruppo Giorgio De Lucchi sono stati rinviati a giudizio.

LASCIA UN COMMENTO