Sospetta cellula Isis, domani interrogatorio gip

0
CONDIVIDI
Sospetta cellula Isis: Giudizio immediato per i sedicenti fratello e sorella siriani, poi dichiartisi iraniani, fermati al Colombo a Capodanno
Un fanatico dell'Isis: gli islamici terroristi talvolta si nascondo dietro la maschera di profughi
Un fanatico dell’Isis: gli islamici terroristi talvolta si nascondo dietro la maschera di profughi

GENOVA. 3 GEN. Loro dicono di essere fratello e sorella, profughi siriani in fuga dalla guerra. La procura di Genova però non ci crede e sospetta che siano legati a gruppi terroristici.

Saranno interrogati domani mattina dal gip, per la convalida dell’arresto, i due musulmani fermati l’altro giorno all’aeroporto Cristoforo Colombo con documenti falsi. La coppia era in partenza dallo scalo genovese e voleva raggiungere Londra. Quando gli agenti della Polmare li hanno bloccati, hanno esibito passaporti belgi, ma non parlavano una parola di francese. Sono quindi scattati controlli più approfonditi e nella memoria del database dei loro telefonini sarebbero state rinvenute fotografie di armi e musulmani inneggianti alla Jihad islamica.

I due si sarebbero difesi spiegando che non appartengono all’Isis, ma sono profughi appassionati di armi e che immagini del genere sono comuni in Medioriente. Avrebbero acquistato i passaporti falsi a Bruxelles e tentato di raggiungere la Gran Bretagna da Genova perché lì vivrebbero alcuni loro parenti e credevano che i controlli nello scalo genovese fossero meno rigidi rispetto a quelli effettuati in Belgio.

LASCIA UN COMMENTO