Home Politica Politica Genova

SOSPENSIONE CALENDARIO VENATORIO. BRUZZONE OCCUPA IL CONSIGLIO REGIONALE

0
CONDIVIDI

bruzzone-consiglio-regionalGENOVA. 16 OTT. Francesco Bruzzone, capogruppo di Lega Nord Liguria-Padania, ha occupato l’aula dell’Assemblea legislativa della Liguria per protestare contro la sentenza del Consiglio di Stato che ha sospeso il calendario venatorio della Liguria, approvato dal Consiglio regionale il 7 maggio scorso.
Il tribunale ha accolto il ricorso presentato da alcune associazioni ambientaliste che non aveva ottenuto, invece, alcun esito presso il Tar.

«Continuerò l’occupazione per tutto il tempo necessario, fino a quando in Liguria si potrà riprendere a cacciare» annuncia Bruzzone, seduto in aula a luci spente.  «Non intendo rappresentare un costo per la Regione – aggiunge – le luci qui nella sala del Consiglio resteranno spente durante tutto il tempo dell’occupazione. Si accendono solo quando vengono i giornalisti per intervistarmi e comprendere le ragioni della mia iniziativa».

Bruzzone spiega le ragioni della protesta: «Sono arrabbiato con il sistema e sono seriamente preoccupato perché in Italia in questo momento manca la certezza del diritto: i cacciatori hanno pagato, come vuole la legge, ma non possono esercitare l’attività venatoria». Il  consigliere spiega che ogni cacciatore spende in media ogni anno  dai 600 ai 1000 euro in tasse per affrontare la stagione venatoria, ora stoppata: paga, quindi, per esercitare un diritto che ora viene interdetto.


Puntualizza il capogruppo:  «Tengo a precisare che non sono arrabbiato con la Regione che, finora, ha fatto tutti i passi necessari in materia di caccia». E proprio la Regione, adesso, dovrà affrontare la questione nell’ambito delle proprie competenze: «La legge regionale prevede di riprendere la caccia contestualmente al varo di un  nuovo calendario venatorio  – spiega – Per raggiungere questo obiettivo è necessario che si riunisca la competente commissione consiliare e che, successivamente, la giunta provveda alla relativa delibera». Secondo Bruzzone, si potrebbe riuscire ad approvare il nuovo calendario entro la fine della settimana.

«Ho già sentito l’assessore all’ambiente, Renata Briano, e mi pare ci sia la disponibilità a fare tutti i passi necessari – conclude Bruzzone – continuerò l’occupazione fino a quando non verranno restituiti i diritti negati ai cacciatori».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here