Home Cronaca Cronaca Genova

I SOLITI IGNOTI IMPERVERSANO A GENOVA. 6 I FURTI

0
CONDIVIDI
furto in appartamento
la sera prima di Pasqua furto in casa a Rivarolo. A Pasqua colpi in Albaro e Nervi

furtoGENOVA. 30 NOV. I soliti ignoti in via Peschiera hanno smurato ed aperto una cassaforte, tentato di aprirne un’altra e messo a soqquadro l’intero appartamento provocando dei forti rumori che hanno indotto gli inquilini di un palazzo a comporre il 113.

La volante intervenuta ha constatato che i ladri si erano introdotti in casa attraverso la finestra della cucina che risultava forzata.

Il bottino non è stato ancora quantificato. Sul posto la Scientifica per i rilievi del caso.


Quattro gli appartamenti in via Albaro visitati dai ladri.

Nel primo i ladri sono entrati forzando la portafinestra che affaccia sul giardino. Hanno asportato gioielli per un valore da quantificare e contanti per circa 1000 euro.

Nel secondo, l’accesso è avvenuto attraverso la finestra della camera da letto. Sono stati trafugati un Rolex e capi di abbigliamento.

Per entrare nel terzo, i ladri si sono arrampicati lungo il tubo del gas fino alla finestra del bagno posta al primo piano della palazzina. All’interno hanno rovistato in tutte le stanze asportando monili in oro da quantificare.

I malviventi sono entrati nel quarto, forzando la finestra della cucina. Dopo aver messo a soqquadro l’appartamento hanno trafugato un orologio Longines, vari oggetti in oro il cui valore è da quantificare e una telecamera digitale.

Una 35enne genovese ha tentato di rientrare in casa, in Via Angelo Ceppi, ieri sera ma non ci è riuscita in quanto la porta di ingresso risultava bloccata. La donna ha richiesto l’intervento del 113 e dei Vigili del Fuoco che hanno forzato la porta d’ingresso.

Nell’appartamento, l’equipaggio della volante ha constatato che erano stati i ladri, entrati attraverso la finestra della cucina, a bloccare dall’interno la porta d’ingresso.

L’abitazione era stata tutta rovistata e, da un primo controllo, risultava asportata la somma di circa 500 euro che la richiedente aveva riposto nella sua stanza da letto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here