Sicurezza, sindacato poliziotti a Salvini: slegaci le mani

0
CONDIVIDI
Sicurezza, sindacato polizia Coisp: consentiteci di lavorare e garantire la sicurezza

GENOVA. 26 NOV. “Non potevamo certo lasciarci sfuggire una così preziosa occasione per discutere nuovamente di tutte le problematiche che affliggono ormai da troppo tempo la Polizia di Stato ed analizzare la situazione sulla sicurezza in Liguria ”.

Lo ha dichiarato ieri sera Matteo Bianchi, segretario del sindacato di polizia Coisp, che ha commentato così il tour del NO al referendum di Matteo Salvini a La Spezia, Chiavari e Genova.

”Il tour del leader della Lega in diverse città della Liguria – ha aggiunto Bianchi – ci ha permesso di interloquire con un’altra forza politica che pare interessata affinché i poliziotti italiani possano finalmente svolgere al meglio il proprio lavoro cercando di eliminare tutti quegli ostacoli dovuti principalmente, ma non solo, a carenza di uomini, di età media comunque troppo elevata, di mezzi e di una legislazione non adeguata che ora minano pesantemente l’operato di chi quotidianamente cerca di far rispettare le leggi e mantenere l’ordine e la sicurezza pubblica.

 

Il Coisp interloquisce e si confronta con tutti coloro che vogliono e lavorano per il bene della Polizia di Stato e di tutte le Forze dell’Ordine. Tutto questo senza guardare il colore o il credo politico di chi ci sta di fronte poiché l’unica cosa che ci interessa è il bene dei Poliziotti e la possibilità che possano finalmente svolgere il proprio lavoro con la giusta serenità e con i mezzi adeguati per il bene e la sicurezza di tutti i cittadini.

E’ vergognoso che debba giungere una persona da fuori Liguria per accorgersi delle scritte infamanti che imbrattano i muri delle nostre città, in particolare La Spezia e Genova, rivolte verso la nostra categoria. Auspico vivamente che qualcuno possa raccogliere l’invito di Salvini e farle immediatamente rimuovere, non può essere messa discussione, in un paese democratico, la dignità delle donne e degli uomini in divisa”.

 

LASCIA UN COMMENTO