Siap: stop ai pendolari della Sicurezza

0
CONDIVIDI
PROFESSIONISTA ITALO - SVIZZERO CERCA DI STUPRARE BABY SITTER ISRAELIANA
polferstazprincipe
Polfer presso la stazione di Genova Piazza Principe.

GENOVA. 04. NOV. Il  SIAP riferisce che un recente incontro con la Dirigenza del Compartimento Liguria ha permesso proprio alla citata sigla sindacale della Polizia di Stato di evidenziare con fermezza la propria posizione riguardo alle problematiche emerse durante i servizi di scorta sul treno IC 655 che nello specifico è l’Intercity Milano Ventimiglia il quale, una volta giunto nella stazione di Genova Piazza Principe, riparte per l’estremo ponente e viceversa.

Proprio il SIAP aveva richiesto una soluzione migliorativa del palinsesto organizzativo ormai in atto dal Luglio 2015, rispetto a due punti critici: 1) difficoltà nella consumazione dei pasti, integrazione degli attuali buoni pasto e difficoltà sulle modalità di rimborso di quanto anticipato personalmente dagli Agenti di Polizia di Stato, impiegati in qualità di “scorta “, per consumare un pasto completo. 2) fermo restando l’attuale disponibilità dell’ente ferrovie a fornire alloggio e vitto, quindi non a carico dell’amministrazione, richiesta di applicazione del più favorevole rimborso forfettario di missione in sostituzione delle indennità di scorta della convenzione.

“Queste richieste ” – sottolinea il SIAP –  “erano primarie e necessarie per poter migliorare ed incentivare questo servizio per i colleghi, e per sanare l’insolito regime giuridico del servizio originariamente nato aggirando l’ A.N.Q. e lo strumento della deroga”.

 

Infatti, non essendo un servizio su base volontaria, questo costituisce un pericoloso precedente, poiché impone agli Agenti della Polizia di Stato di smontare dal quadrante 07.00- 13.00 a Ventimiglia, delocalizzando la fine del servizio fuori di due province, a ben 170 km di distanza, (e questo senza l’utilizzo di un reale strumento normativo o sussista alcuna improvvisa ed improrogabile emergenzialità tale da giustificare questa flessibilità imposta ai dipendenti).

In tale giornata infatti dalle disposizioni elaborate non sussiste alcun obbligo di permanenza a Ventimiglia, di fatto però, sono sulla carta erogate indennità di scorta che coprono il periodo d’attesa per la scorta di ritorno. Dopo tale doverosa premessa,vista la concomitanza dei recenti casi di cronaca e l’atteggiamento dell’amministrazione che non intende accogliere le richieste sindacali, e che intende riproporre col medesimo sistema regolamentare ed economico un ulteriore servizio scorta treno da Ventimiglia, richiedendo in questo caso una deroga sul turno notturno, il SIAP si vede obbligato a prendere le distanze da tali proposte, rigettandole in pieno, e formalmente richiedere ufficialmente l’interruzione del servizio di scorta sul treno IC 655.

Gli eventi di cronaca balzati all’opinione pubblica nell’ultimo mese e mezzo che hanno interessato la linea ferroviaria del ponente, tra Ventimiglia e Bordighera, rafforzano l’idea del SIAP. Infatti gli eventi delittuosi si sono “spostati”, interessando treni regionali n° 2183 e n° 24535, e non più il treno IC n° 655, da mesi sotto scorta, e i cui reports di servizio non evidenziano criticità.

Pur essendo a conoscenza dell’importanza delle attività di prevenzione sin qui svolte, l’analisi di questo scenario, e di quanto sin qui avvenuto, evidenza la necessità che i problemi debbano essere risolti su base territoriale, alla radice. Tali località in effetti, per la presenza di più locali notturni, si vedono invase durante le notti dei fine settimana da masse di giovani, ed alcuni di questi, dediti al divertimento “senza regole”, purtroppo dopo la chiusura dei locali, spesso in stato di alterazione psico-fisica, per il viaggio di ritorno prendono d’assalto i treni, vandalizzandoli e/o creando turbative, rappresentando quindi un vero e proprio problema per viaggiatori e addetti ai lavori.

Il NO del SIAP a qualsiasi ulteriore deroga e al proseguimento di questo servizio, è la giusta risposta alla tutela dei diritti e delle aspettative economiche degli operatori di Polizia e l’evidente critica ad una strategia di prevenzione limitata negli effetti, onerosa sul fronte delle risorse impiegate e miope rispetto al raggiungimento del risultato.

Il voler proseguire con queste modalità, oltre a mettere in luce un evidente spreco di risorse dagli Uffici Polfer di Genova Principe e Genova Brignole, distraendo giornalmente ad enormi distanze personale, non fa altro che spostare il problema da un orario all’altro, e da un treno all’altro, questa continua rincorsa alla sicurezza non avrà fine finché non si interverrà con la giusta sinergia e coordinazione delle risorse già presenti sul territorio, puntando alla radice del problema. Il SIAP rimarca inoltre come, con l’approssimarsi delle festività natalizie, i due principali uffici Polfer presenti nella città metropolitana di Genova, vedranno l’incremento dei flussi viaggiatori e delle rispettive esigenze di sicurezza,e  quindi come, con l’inverno alle porte,la situazione diventi più tesa.

Romina De Simone

LASCIA UN COMMENTO