Siap: assemblea generale presso Questura di Genova

0
CONDIVIDI
22.10.2015 foto assemblea generale
SIAP, assemblea generale presso la Questura di Genova.
22.10.2015 foto assemblea generale
SIAP, assemblea generale presso la Questura di Genova.

GENOVA. 23. OTT. Ieri mattina, presso gli uffici della Questura di Genova, si è tenuta l’Assemblea Generale del SIAP, la prima che ha visto coinvolto tutto il gruppo dirigente dopo le dimissioni dal SILP CGIL dell’estate scorsa. Vi hanno partecipato decine di poliziotti provenienti non solo da Genova, ma anche dalle delegazioni di tutte le province liguri a sancire l’esordio della fase congressuale che culminerà nell’ormai prossimo 2016.

L’assemblea è stata aperta dal Segretario Regionale Liguria  “Alessandro Dondero “, il quale ha sottolineato l’importanza dell’azione sindacale nei confronti di un’Amministrazione spesso arrogante verso i dipendenti. A seguire l’intervento del Segretario Generale Provinciale “ Roberto Traverso “ che ha rimarcato la soddisfazione per la scelta effettuata nel passare dall’ex gruppo dirigente del SILP CGIL al SIAP imprimendo così una rinnovata spinta propulsiva al modello di sindacato che questo gruppo porta avanti a Genova da anni.

Roberto Traverso ha espresso profondo disappunto ed indignazione per una Legge di stabilità che umilia gli Agenti di Polizia di Stato con un aumento stipendiale irrisorio dopo anni di blocco contrattuale. Nello specifico della piazza di Genova, Traverso ha inoltre evidenziato il precipitare del modello di sicurezza locale, che non riesce a garantire un servizio adeguato alla cittadinanza e, soprattutto, ha rimarcato l’inadeguatezza della gestione dirigenziale che sembra incapace di sgravare la categoria del peso ereditato dal 2001.

 

Il fulcro dell’incontro è stato l’intervento del Segretario Generale Nazionale del SIAP “Giuseppe Tiani” che ha ribadito la ferma opposizione alle anticipazioni sulla Legge di Stabilità: il previsto aumento stipendiale, di poco superiore ai 7 euro, sarebbe penalizzante ed umiliante per gli Agenti di Polizia, una categoria che vede ormai il proprio organico in costante esponenziale diminuzione ed un persistente aumento dell’età anagrafica che ha raggiunto i 49 anni. Riduzioni che non sono compensate da incremento di risorse e strumenti di lavoro.

Tiani ha rimarcato che gli Agenti di Polizia di Stato devono vedere riconosciuta la specificità del proprio operato dal punto di vista economico; al riguardo il SIAP si prodigherà per ottenere il riordino delle carriere che deve essere soddisfacente per tutte le qualifiche, ma innanzitutto per quelle di base che del SIAP costituiscono la spina dorsale.

In assenza di risultati adeguati in favore della categoria e di spazi di mediazione con il Governo, gli aderenti al SIAP chiudono l’assemblea di ieri dichiarandosi pronti a dar voce a diverse iniziative di protesta.

Romina De Simone

 

 

LASCIA UN COMMENTO