Home Cronaca Cronaca Genova

Si spacciavano per tecnici del gas, ma derubavano anziani indifesi

2
CONDIVIDI

GENOVA. 6 SET. La polizia ieri ha arrestato alcuni italiani, pluripregiudicati per reati contro il patrimonio, nell’ambito di un’attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Genova.

I componenti della banda di truffatori seriali pendolari avevano la loro base nella provincia di Torino e colpivano in altre città, come Genova e Cuneo. Al momento, gli episodi contestati sono sette.

Gli agenti della Squadra Mobile di Genova e di Torino si sono messi sulle tracce dei malviventi dopo un furto in abitazione in danno di un’anziana residente nel capoluogo ligure.


La vittima, dopo essere stata avvicinata in strada, subiva il furto di denaro e preziosi da parte dei malviventi che erano entrati nell’abitazione con il pretesto di effettuare delle misurazioni per rilevare delle perdite di gas e controllo delle valvole dei caloriferi. I truffatori avevano convinto l’anziana a depositare in un angolo tutti i valori custoditi in casa, simulando interferenze con l’apparecchio destinato a rilevare le perdite di gas.

Le indagini, realizzate anche grazie alle analisi delle immagini delle telecamere del palazzo e della zona esterna, consentivano di risalire all’identità dei responsabili.

Gli arrestati sono Francesco Milana e Nicola Renard, 40enni domiciliati nel torinese. Un terzo presunto componente della banda, 26enne,  risulta indagato.

La Questura di Genova, ricordando il decalogo antitruffa presente sul sito della Polizia di Stato, invita tutti i cittadini a diffidare di chiunque si presenti come tecnico di società del gas o di erogazione di servizi senza preventivo e documentato appuntamento, chiedendo di accedere all’interno dell’abitazione: “Tali accessi vengono infatti preventivamente pianificati in occasione di specifiche riunioni condominiali. Si invita, in caso di dubbio, a segnalare immediatamente al numero di emergenza 112 NUE qualsiasi situazione sospetta”.

 

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here