Sì a decadenza “Minzo” da senatore, giunta s’inchina a sentenza giudici

0
CONDIVIDI
L'ex direttore del TG1 e senatore FI Augusto Minzolini
L'ex direttore del TG1 e senatore FI Augusto Minzolini
L’ex direttore del TG1 e senatore FI Augusto Minzolini

ROMA. 18 LUG. La giunta per le immunità di Palazzo Madama, dopo circa due ore di camera di consiglio, stasera ha revocato, a maggioranza, il mandato di parlamentare al senatore di Forza Italia Augusto Minzolini, eletto in Liguria.

Durante il voto favorevole dell’otto giugno scorso, i rappresentanti del Pd e M5S avevano detto sì alla decadenza, quelli del centrodestra avevano votato no.

Ora l’ultima parola sulla revoca definitiva spetterà all’aula del Senato, anche se il giornalista ha annunciato, in ogni caso, di volersi dimettere.

 

L’ex direttore del TG1, incensurato, era stato condannato a due anni e mezzo per peculato, con sentenza passata in giudicato, per la storia della carta di credito concessa dalla Rai, anche se poi aveva restituito i soldi.

A suo dire, è stato vittima di “un giudizio non equo” che aveva preso il via con un esposto dell’ex magistrato Antonio Di Pietro e di una persecuzione perché usò la carta di credito  “prevalentemente per incontri e cene di lavoro non per viaggi personali od altro”.

“La mia battaglia per la giustizia va oltre la mia persona” ha aggiunto Minzolini.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO