Serie B: Vicenza-Entella 2-1, liguri ancora ko in trasferta

0
CONDIVIDI
Entella
Entella
Entella

GENOVA 8 MAG.  Entella sconfitta al Romeo Menti dal Vicenza ed è un ko pesante perche allontana i liguri dalla zona play off per giocarsi la promozione in serie A.

Sì perché la prestazione dei biancocelesti è stata ancora una volta da squadra importante che su un campo mai facile e contro un avversario coinvolto nella lotta salvezza ha sfoderato un primo tempo tutto sostanza, impreziosito da un gran gol di Troiano e controllato senza alcun patema con Iacobucci decisivo solo una volta in mischia.

L’ altalena play off continua con qualche risultato favorevole ed altri meno, da oggi l’ impresa è tutta esclusivamente nelle mani di Aglietti e dei suoi ragazzi che facendo bottino pieno nelle ultime due partite centrerebbero il secondo sogno stagionale quello più bello quello che non ti aspetti ma che ormai hai visto talmente vicino che vuoi provare a viverlo fino in fondo. Per capire quanto ci credono i giocatori e’ sufficiente aver ascoltato il silenzio assordante che regnava nello spogliatoio a fine partita in un misto di rabbia, rammarico e mea culpa di chi sa di aver sciupato un break che poteva risultare decisivo.

 

La stessa rabbia espressa da Mister Aglietti a fine partita ma indirizzata più sugli episodi e sulla recidività del direttore di gara che sulla prestazione dei suoi. Anche perché gli episodi sui quali si può recitare il mea culpa sono pochi ancorché inevitabilmente decisivi. Si capisce da subito che è partita vera condizionata dal primo vero caldo più estivo che primaverile, ritmo non altissimo Entella come sempre ben disposta attenta sia dietro che a ripartire pericolosamente. Al secondo corner favorevole arriva il gol del vantaggio e che gol !!! Sestu calcia dalla bandierina Troiano sul secondo palo controlla di petto e spalle alla porta esegue una rovesciata stilisticamente perfetta che si insacca alle spalle dell’ incredulo Benussi.

Per il capitano si tratta del sesto centro in una stagione a dir poco superlativa. Pochi minuti e Masucci serve Di Carmine che rifinisce un ottimo pallone a tagliare l’ area sul quale Caputo arriva qualche millimetro dopo. Il Vicenza non è deciso nella sua reazione permettendo ai chiavaresi di mettere in luce una difesa sempre brillantissima nella quale si ferma Pellizzer per un problema muscolare, ma l’ apporto di Benedetti è come sempre di pari livello. Il primo pericolo per Iacobucci arriva da calcio piazzato con Adejo che gira trovando l’ istintiva respinta del portiere chiavaerese bravo anche sulla ribattuta.

Il controllo della partita è saldamente nelle mani dell’ Entella che a pochi minuti dall’ intervallo ha la possibilità di chiuderla : dopo un paio di batti e ribatti la palla schizza nella metà campo vicentina dove Caputo e Di Carmine hanno davanti soltanto Benussi, arrivato davanti a quest’ ultimo Caputo opta per la soluzione altruiscita servendo il pallone a Di Carmine che calcia disturbato dal ritorno di Sampirisi e coglie incredibilmente il palo. Tutti subito a pensare alle consuete “leggi del calcio” ma il tempo si chiude con rammarico e al tempo stesso soddisfazione per il tipo di prestazione.

Nella ripresa subito l’ episodio contestato Iacoponi commette fallo su Giacomelli appena entrato, l’ arbitro ha un attimo di esitazione quindi estrae il secondo giallo lasciando l’ Entella in inferiorità numerica. I vicentini capiscono che il momento è favorevole e pressano con tutte le energie. D’ Elia se ne va sulla sinistra converge al centro e lascia partire un destro a giro che non lascia scampo a Iacobucci. L’ Entella si risistema per contenere le sfuriate biancorosse spinte dagli ottomila di casa. Il gol che decide la partita arriva al 71 con una accelerazione di Giacomelli sempre sulla sinistra con un diagonale rasoterra che non lascia scampo a Iacobucci.

Lo stesso portiere poco dopo resiste su una conclusione a botta sicura di Moretti mantenendo viva la fiammella biancoceleste che allo scadere ha un sussulto sugli sviluppi di un angolo di Staiti entrato a rilevare Sestu, Troiano stacca bene trovando pero una deviazione a pochi passi dalla linea di porta. L’ ultimo brivido prima del triplice fischio finale del sig. La Penna che episodi a parte non ha brillato per esempio nella gestione dei cartellini. L’ Entella si lecca la ferita ma tutto finisce subito perché lo sguardo è gia rivolto alla prossima partita, l’ ultima al Comunale, contro l’ Avellino per riprendere quel filo interrotto oggi a Vicenza.

La sensazione è che questa squadra darà tutto quanto nelle sue corde per cercare di fare bottino pieno di qui alla fine senza dover aspettarsi aiuti dall’ esterno. Non sarà facile ma la stagione ormai in chiusura ha dimostrato che i ragazzi di Aglietti hanno saputo giocarsela alla pari con tutte le squadre, Avellino e Crotone non hanno più nulla da chiedere al campionato ma hanno il dovere di chiudere in bellezza e come giusto che sia non regaleranno nulla, andarselo a prendere questo sogno sarà ancora più bello. E già che siamo nei sogni come non citare la splendida impresa della Primavera guidata da Castorina che oggi si sono aggiudicati la possibilità di disputare le Final Eight di categoria. Anche questo un traguardo inseguito per tutta la stagione che proprio sul finire sembrava potesse svanire e che invece la caparbietà il carattere e lo spirito messo in mostra da questi ragazzi hanno reso possiblie per la prima volta nella storia biancoceleste

LASCIA UN COMMENTO