Home Sport Sport Genova

Serie B: Trapani-Entella 2-0, continua il momento no

0
CONDIVIDI
Tifosi dell'Entella

GENOVA 30 APR.  Un trend che non si riesce ad invertire quello preso dall’ Entella nelle ultime settimane, una squadra che tutto ad un tratto è diventata fragile e incapace di reagire ad un momento negativo che dura ormai da circa un mese. Erano anni che i biancocelesti non infilavano una serie negativa di risultati cosi lunga anzi la forza di questo gruppo al di la degli uomini che si sono succeduti è sempre stata proprio nel carattere e nel sapersi sempre rialzare dopo una sconfitta o comunque un risultato negativo. Quella attuale invece sembra una discesa senza ritorno che non inficia tanto la classifica nella sua sostanza quanto piùttosto oscura tutto quanto di buono Breda e i suoi ragazzi hanno fatto fino ad oggi in un campionato in linea con quelle che erano le aspettative della società.

Abbiamo già detto la settimana scorsa come le convergenze negative legate ad infortuni e comunque al tour de force a cui sono stati sottoposti parecchi giocatori di certo non ha aiutato l’ Entella ed è per questo che sembra ancor più strano vedere una squadra che come un pugile stanco al primo pugno subito non riesce a rialzarsi e reagire. Anche a Trapani il copione è stato questo per oltre mezzora i chiavaresi hanno retto bene ad un Trapani, si desideroso di punti, ma attento soprattutto a non scoprirsi troppo. Fino al gol di Nizzetto, peraltro molto casuale come ammesso dallo stesso centrocampista siciliano, l’ Entella era in partita con un inedito 3 5 2 pronto a trasformarsi in un più prudente 5 3 2 nel momento in cui erano i siciliani a far la partita.

L’ esordio dal primo minuto di Zaniolo e il cambio modulo relegano in panchina Catellani e Tremolada. Ne consegue una squadra solida quadrata magari non molto incisiva visto il lavoro di sacrificio chiesto al giovane primavera, ma è comunque una partita equlibrata quella che si vede per la prima mezzora con l’ Entella ad aver avuto le occasioni migliori prima con Moscati e quindi con Caputo sul cui cross basso liberava la difesa non senza affanni. Poi come detto il cross di Nizzetto assume una traiettoria perfida che sorprende Iacobucci e porta in vantaggio i siciliani. I biancocelesti accusano subito il colpo e dopo soli 5 minuti incassano il raddoppio con un cross di Coronado per Barillà che salta e batte ancora a rete.


Da qui in poi il Trapani controlla la partita anche se nella ripresa serviranno un paio di grandi interventi di Pigliacelli per negare all’ Entella il gol che poteva riaprire la gara, si perché l’ impegno non è mai venuto meno fino all’ ultimo secondo ma sicuramente serviva qualcosa in più per pensare di poter riprendere una partita cosi in salita. Al triplice fischio rimane ancora una volta l’ amaro in bocca per il 4 stop in cinque partite ma come detto a preoccupare di più è certamente la scarsa reattività della squadra alle vicissitudini che ogni partita offre.

Da li ripartiranno Roberto Breda e i suoi giocatori perché sabato al Comunale arriva un Verona ovviamente deciso a conquistare i punti che ancora mancano per l’ accesso diretto alla massima serie e si sa come quella gialloblu sia una squadra dall’ organico importante con il capocannoniere del campionato e una serie di giocatori che con la categoria cadetta hanno poco a che fare. Play off a parte c’è semplicemente da ridare dignità ad una stagione che fino ad un mese fa era molto piu che positiva e che non può essere appunto ridimensionata da un finale di questo tipo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here