Serie B: Ternana-Entella 1-2, Colpo Gobbo al Liberati

0
CONDIVIDI
entella-gol
entella-gol
Gol dell’Entella

GENOVA 16 NOV.  Evidentemente Terni e l Umbria portano bene all’ Entella che 8 mesi dopo sempre sul terreno del “Liberati” coglie la sua prima vittoria in trasferta ottenendo 3 punti che danno un significato più sostanzioso alla serie di 8 risultati utili composti da 5 pareggi e 3 vittorie. Anche oggi è stata una partita sofferta soprattutto nel finale quando gli umbri hanno tentato il tutto per tutto pur di pareggiare una partita che nel primo tempo sembrava ampiamente compromessa.

L’ avvicinamento a questa partita non è stato facile per l’ Entella che in settimana ha vissuto emotivamente la vicinanza del grave lutto che ha colpito il suo tecnico. Una difficoltà tangibile ad ogni allenamento nonostante la grande professionalità della squadra e dello Staff che ha gestito al meglio questa situazione di emergenza. Dopo la bella prova del Picco contro lo Spezia Mister Aglietti aveva fiutato che la squadra era pronta  per un impresa anche in trasferta cosi come aveva altrettanto profeticamente messo in guardia dalle difficoltà che avrebbe riservato la partita contro il Como.

Entrambe le premonizioni si sono avverate e nonostante la classifica non permetta ancora oggi nessuna distrazione l’ Entella questa sera ha messo dietro di se la bellezza di 12 squadre. Abbiamo sottolineato più volte come la regolarità nei risultati sia uno degli elementi decisivi in un campionato difficile come quello di serie  B specie in un torneo come questo che vede le distanze molto corte tra la parte nobile e la parte traballante della classifica. Aglietti operava un’unica modifica all’ undici di sabato scorso  privilegiando la maggior esperienza e la maggior fisicità di Sini rispetto alla “leggera” gioventu di  Keità.

 

Il difensore romano è sempre uno dei più brillanti in ogni allenamento e pur impegnato in un ruolo quello di esterno difensivo che non è propriamente il suo ha dimostrato ampiamente di meritare la chance che il tecnico ha deciso di dargli. L’ Entella inizia bene come sempre concentrata e vivace fisicamente ma anche la Ternana non era da meno e costruiva presto una buona occasione quando Coppola imbeccava Falletti che calciava un rigore in movimento trovando però la grande opposizione di Iacobucci  in tempestiva uscita. I biancocelesti controllavano le prime folate delle “fere” ma alla prima occasione colpivano cinicamente:

Troiano metteva in area un lungo lancio sul quale Mecariello  bucava l’ intervento, alle sue spalle Caputo lasciava rimbalzare il pallone e con un preciso destro incrociava di potenza insaccando imparabilmente per Mazzoni. Pochi minuti e ancor prima che la Ternana potesse organizzare una reazione l’ Entella colpiva con grande cinismo. Sini calciava bene una punizione sul secondo palo dove Ceccarelli schiacciava al centro dell’ area piccola dove Masucci aveva il riflesso giusto per battere Mazzoni da due passi . La Ternana accusava il doppio colpo e faticava a reagire .

I biancocelesti potevano chiudere cosi il primo tempo con un bottino da amministrare al meglio nella ripresa. Spinti anche dai mugugni del proprio pubblico gli umbri approcciavano decisamente meglio il secondo tempo ma il primo brivido lo procurava Masucci che dai venti metri impegnava Mazzoni . L’ Entella pian piano arretrava il proprio baricentro faticando con le punte a tenere su la squadra e finendo con il subire la pressione dei rossoverdi che pur senza creare clamorose occasioni teneva in costante apprensione la retroguardia chiavarese  attraverso una serie infinita di angoli e calci piazzati sui quali tuttavia Ceccarelli e compagni risultavano sempre attenti e lucidi.

Per la legge dei grandi numeri però al 12° calcio d’ angolo l’ Entella capitolava sotto l’ inzuccata di Masi che a dieci minuti dalla fine accorciava le distanze risvegliando anche il pubblico di casa in precedenza indirizzato più alla contestazione che al sostegno. I minuti finali sono i più brutti per Iacobucci che sotto pressione risulta decisivo sul colpo di testa di Avenatti, finche nel recupero i giocatori di Aglietti riprendevano in mano la partita nascondendo il pallone fino al triplice fischio che sanciva la prima vittoria in trasferta e quel che più conta la conquista di tre importantissimi punti.

L’ abbraccio di tutta la squadra e dello staff attorno ad un commosso mister Aglietti a fine partita oltre al saluto ai numerosi tifosi giunti in umbria, era la copertina più bella per una giornata che ha alimentato ulteriormente la fiducia nel lavoro di questo gruppo, numeroso, qualitativamente ben assortito e finalmente quasi al completo. La partita di sabato prossimo contro il Lanciano potrebbe rappresentare un primo punto di svolta per una stagione ancora tutta da scrivere ma iniziata con pagine piacevoli da leggere.

LASCIA UN COMMENTO