Serie B: Spal-Entella 2-2, buon pari per i chiavaresi

0
CONDIVIDI
Tifosi dell'Entella

GENOVA 18 SET.  Un buon punto al termine di una partita vibrante per l’Entella la Mazza contro la Spal padrona di casa. Una prova, la prima di maturità per la nuova Entella, su un campo difficile sia per il valore degli avversari che per il clima caloroso a sostegno degli stessi. Non saranno tante le squadre che usciranno dal Paolo Mazza di Ferrara con molti punti all’ attivo perché i neopromossi di Semplici sono una squadra ben costruita che, se è vero che oggi ha denotato qualche problemino in difesa, puo contare su un centrocampo e un reparto offensivo di tutto rispetto per la categoria. Il valore aggiunto è dato come detto dall’ ambiente biancoazzurro con lo stadio ben gremito dalla tifoseria ferrarese sempre a sostegno anche nel momento peggiore della partita con la Spal sotto di due gol. Breda ha apportato una sola modifica alla “solita” Entella inserendo Cutolo al posto di Masucci.

Una scelta assolutamente azzeccata vista la prestazione del numero 10 biancoceleste da subito scheggia impazzita nella retroguardia di casa. Il 3-5-2 di Semplici crea inevitabilmente supremazia a centrocampo dove i chiavaresi subiscono soprattutto a sinistra la catena formata da Mora e Beghetto che troppo spesso arrivano al cross o comunque creano situazioni di pericolo conquistando anche un numero di angoli forse eccessivo. Tuttavia l’ inizio di partita sorride all’ Entella che parte senza indugi e colleziona un paio di pericoli derivanti da altrettante incertezze della difesa di casa. Nel primo caso Palermo intercetta un rinvio corto di Meret, serve Cutolo il cui sinistro termina a lato.

Ancora Cutolo lavora bene un pallone a destra servendo un cross che spiove troppo profondo sul secondo palo. Al terzo tentativo i biancocelesti passano in vantaggio : Cutolo dalla bandierina calcia un corner sul quale svetta Pellizzer sul secondo palo, il suo colpo di testa viene ribattuto in qualche modo ma ancora Michele calcia stavolta di piede e mette in porta da pochi passi. Gol pesante che la Spal non accusa iniziando anzi a creare pericoli verso la porta di Iacobucci. Troppe volte come detto Lazzari e Mora vanno al cross dagli esterni e nonostante le respinte della difesa chiavarese qualche pallone spiove dalle parti di Antenucci, Cerri e Schiattarella che con altrettante conclusioni pericolose sfiorano il pareggio. L’ Entella è vigile e ogni qualvolta riesce a mettere palla a terra soprattutto in avanti si rende pericolosa. Tremolada Caputo e Cutolo parlano lo stesso linguaggio tecnico e quando scambiano, spesso anche di prima, sono un piacere per gli occhi.

 

Ancora da Cutolo parte l’ azione che porta al raddoppio con un pallone rubato a centrocampo dal quale si innesca un contropiede 2 contro 1 rifinito da Nello per Caputo che prende la mira e piazza in rete il 2-0. Un buon vantaggio ma probabilmente nessuno tra i biancocelesti ha pensato di aver la partita in discesa perché la Spal era viva eccome. A conferma di ciò arriva il gol che accorcia le distanze con l’ angolo battuto da Mora sul quale capitan Giani anticipa tutti sul primo palo e gira a rete di testa. Il gol galvanizza il pubblico di casa che capisce il momento propizio per spingere ancor di più e nel giro di un solo minuto arriva il pareggio di Schiattarella che fa esplodere il Mazza. E’ Cerri a servire all’ ex spezzino il diagonale preciso che si spegne in fondo all’ angolino di Iacobucci. L’ Entella sbanda ma resta in piedi reagendo subito e sfiorando il gol su una punizione di Cutolo a fil di palo a chiudere il primo tempo.

Nella ripresa Breda registra i suoi che entrano determinati e creano un paio di azioni pericolose. Risponde Cerri che impegna Iacobucci in angolo quindi la partita ha una svolta: Palermo rimedia il secondo giallo e lascia i compagni in dieci. Svolta che i ferraresi sperano possa essere preludio ad una vittoria. Si rivela invece una svolta positiva per l’ Entella che si ritrova solida concentrata e organizzata. Breda non arretra la squadra e toglie Tremolada inserendo Masucci passando ad un centrocampo a 4. Poco dopo tocca anche a Di Paola chiamato a sostenere il reparto centrale. Il ritmo del primo tempo difficile da tenere per 90 minuti cala inevitabilmente favorendo il gioco di contenimento dei biancocelesti che per assurdo fanno meno fatica in inferiorità numerica. Arriva anche l’ esordio per Beretta al posto di Caputo per inserire peso in avanti nel tentativo di tener palla e alzare la squadra quando possibile.

Un paio di occasioni per parte e l’ assalto finale degli “spallini” contenuti bene da Ceccarelli e compagni con il solito Iacobucci attento fino all’ ultimo secondo. L’ Entella archivia il 5° punto di questo campionato dall’ avvio intenso che vedrà la squadra di Breda in campo Martedi sera quando a Chiavari arriverà il Perugia. Un altro banco di prova interessante, un altro step nel percorso di crescita disegnato dal tecnico veneto e seguito alla lettera dai propri giocatori. Cosi come accaduto contro il Pisa al di la delle presenze ospiti sarebbe bello vedere nuovamente un Comunale by night gremito e pulsante.

LASCIA UN COMMENTO