Serie B: Entella-Perugia 2-1, Anche il Grifo Battuto al Comunale

0
CONDIVIDI
I tifosi dell'Entella
I tifosi dell'Entella
I tifosi dell’Entella

GENOVA 28 FEB.  Continua a stupire questa Entella che, di partita in partita, dimostra di essere squadra vera, squadra di qualità, di temperamento dalle grandi doti morali che permettono di superare ostacoli di ogni tipo, alzando ogni volta l’ asticella ma trovando sempre il modo per saltare al di la. Quello di oggi ad un certo punto era diventato un salto “nullo” ma proprio all’ ultimo tentativo raccogliendo le forze e la voglia di stupire ancora è arrivato il salto vincente che permette ai ragazzi di un sempre più soddisfatto Aglietti, di continuare ad abitare le zone nobili della classifica dimostrando la bontà del progetto e naturalmente la bravura di chi lo sta realizzando sul campo.

Si rischia di ripetersi nel descrivere le sensazioni che ruotano attorno a questo gruppo che il tecnico toscano sta pilotando con grande sicurezza attraverso prestazioni convincenti sia sul piano del gioco che su quello della maturità, solo cosi si può spiegare una vittoria come quella odierna. Una partita iniziata da grande squadra con grandi giocate un gol pregevole e la possibilità di raddoppiare chiudendo anzitempo la partita. Il primo pericolo lo porta Di Carmine che schiaccia di testa un cross di Iacoponi ma manca di pochissimo la porta, quindi il gran gol di Masucci che salta in testa a tutti girando da grande attaccante una perfetta punizione di Costa Ferreira. Passa un minuto e ancora Di Carmine non arriva di un soffio all’ appuntamento con il raddoppio.

Dopo la sfuriata biancoceleste si vede il Perugia, che davvero non si capisce per quanto visto oggi come possa essere in questa situazione di difficoltà e soprattutto come possa aver raccolto nel girone di ritorno la miseria di 4 punti. La squadra di Bisoli infatti dopo aver subito la partenza sprint dell’ Entella ha reagito con rabbia sfiorando il gol prima con una traversa colpita da Spinazzola, quindi con un gran colpo di testa di Molina sul quale Iacobucci compie un vero miracolo togliendo la palla dall’ angolino basso. La partita è aperta la difesa dell’ Entella come sempre ermetica tanto che gli umbri dopo le due occasioni descritte non riusciranno più a nuocere se non con conclusioni dalla distanza.

 

La giornata meteorologicamente parlando non è delle migliori e nonostante l’ entusiasmo crescente di Chiavari attorno alla sua squadra, le zone scoperte dello stadio Comunale sono occupate soltanto da poche decine di tifosi ammirevoli per l’ attaccamento e l’ incitamento dimostrato oggi sotto la pioggia a tratti davvero incessante. La ripresa mostra un Perugia ancora combattivo che ricerca il pari premendo l’ Entella nella propria metà campo pur, come detto, senza impensierire da vicino Iacobucci. Bisoli richiama Bianchi assolutamente impalpabile, inserendo Ardemagni che nelle ultime gare ha dimostrato un buon feeling con il gol.

L’ Entella a differenza del primo tempo non riesce a ripartire, qualche errore di troppo in fase di impostazione o di rifinitura non permettono alla manovra chiavarese di creare pericoli in avanti. La partita sembra comunque in controllo anche con la girandola dei cambi che vede tra i padroni di casa l’ inserimento di Staiti per Sestu, Caputo per Di Carmine e il ritorno in campo a distanza di mesi dall’ infortunio di Terni per Simone Sini che rileva Masucci. Il salto “nullo” si materializza a tre minuti dal novantesimo quando Prcic, uno tra i migliori in campo, lascia partire un esterno destro che bacia il palo alla destra di un impietrito Iacobucci e si insacca alle sue spalle.

Un pareggio tutto sommato non scandaloso che premia la volontà dei perugini ma che al tempo stesso punisce oltre misura l’ Entella. Infatti i biancocelesti non ci stanno e l’ azione che porta al rigore decisivo è lo specchio delle qualità morali della squadra di Aglietti : Iacoponi insegue con caparbietà un pallone che per millimetri resta in campo lo porge in area a Palermo che corre verso l’ esterno dell’ area stessa venendo però travolto ingenuamente da Prcic, l’ esordiente Sig. Illuzzi cerca e trova conferma nel suo assistente e comanda il tiro dagli undici metri che Ciccio Caputo non sbaglia colpendo di potenza, centralmente, eludendo l’ intervento di Rosati.

Il Comunale è una bolgia una vittoria che sembrava sfumata e che invece permette a tutti i chiavaresi anche stasera di guardare con orgoglio una classifica che ha dell’ incredibile. Ormai anche lo stesso Aglietti fatica a tenere i fatidici 50 punti come obiettivo primario e nell’ aria c’è la sensazione che questa squadra proprio perché libera mentalmente da pressioni esterne possa continuare in questa meravigliosa stagione nella quale non si può dire quale sia l’ obiettivo finale ma tutto lascia pensare che sarà un’ altro campionato da incorniciare, godendosi questa squadra espressione non di una provincia ma di un territorio dalle grandi potenzialità che ha nell’ Entella un degno rappresentante in tutta Italia.

Ora la squadra è attesa da un tour de force che prevede l’ ostica trasferta di Salerno nell’ infrasettimanale di Martedi sera e sabato prossimo, il Bari al Comunale, l’ asticella si alza nuovamente e la voglia di un altro salto da record c ‘ è tutta.

LASCIA UN COMMENTO