Serie B: Entella-Novara 1-0, Masucci Stende i Piemontesi

0
CONDIVIDI
I tifosi dell'Entella
I tifosi dell'Entella
I tifosi dell’Entella

GENOVA 1 FEB.  Una vittoria pesante per l’ Entella che con una prestazione importante e matura riesce ad aver ragione di un Novara forte ben organizzato e con grandi qualità tecniche. Forse è proprio il valore dell’ avversario a rendere “pesante” questa vittoria dei biancocelesti che riscattano cosi la sconfitta amara di Cesena e si preparano ad un match sulla carta proibitivo come quello di sabato prossimo al Sant’ Elia.

Per tutta la settimana Aglietti ha tenuto alta la “tensione” dei suoi proprio perché conosceva le insidie di una partita assolutamente non facile nella quale sarebbe servita la migliore Entella possibile. Una sola la variazione rispetto a sabato scorso con Troiano al posto di Palermo e con la prima convocazione per Benedetti ultimo arrivato a Chiavari. Quella contro i piemontesi è stata una partita nella quale gli uomini di Aglietti hanno saputo interpretare al meglio tutte le situazioni che la partita ha proposto con il passare dei minuti.

L’ avvio del Novara e’veemente e dopo soli 5 minuti Corazza si presenta davanti a Iacobucci che gli chiude la porta. La risposta dell’ Entella è una girata di Caputo alta di poco sulla traversa. La fase centrale scivola con grande equilibrio. L’ Entella mette in difficoltà gli esterni di Baroni soprattutto sulla destra dove Iacoponi e Sestu spesso riescono ad andare al cross o comunque a costruire occasioni interessanti.

 

Per contro, con Evacuo controllatissimo dalla coppia Pellizzer Ceccarelli è Corazza a creare i maggiori grattacapi alla difesa di casa che deve tuttavia guardarsi anche dalle incursioni di Nadarevic Faragò e Viola. Nel finale di tempo è ancora il Novara a rendersi pericoloso con Corazza anticipato da Iacobucci e Nadarevic che trova i pugni dell’ estremo chiavarese a respingere la sua conclusione pericolosa.

Dall’ intervallo torna in campo un Entella pimpante che arremba subito verso la porta di Tozzo creando due grosse occasioni con Iacoponi, diagonale che impegna Tozzo in una respinta e Caputo che vede la sua conclusione a botta sicura neutralizzata da un vero miracolo dell’ estremo ospite. Si vede il Novara che va in gol con Troest sugli sviluppi di un calcio d’ angolo ma la bandierina alzata del secondo assistente invalida il vantaggio dei piemontesi che protestano parecchio.

Passano pochi minuti ed arriva l’ episodio che con ogni probabilità pesa nella partita della squadra di Baroni. Vicari interviene su Caputo con piede a martello, un brutto intervento che pur non colpendo l’ ex barese induce l’ arbitro ben appostato a punire l’ intenzione fallosa pericolosa e ad estrarre il rosso diretto. Il Novara rimane in 10. L’ Entella a questo punto decide di provare a vincere questa partita ma lo fa con grande maturità con grande attenzione a non lasciare spazi ad Evacuo e Corazza.

Il Novara si innervosisce e in pochi minuti guadagna due ammonizioni con Garofalo e Viola. Aglietti richiama Troiano inserendo Palermo. L’ Entella costruisce una buona occasione con una punizione di Jadid sulla quale Masucci tocca di poco fuori ben appostato sul secondo palo. E’ il preludio al gol che vede Costa Ferreira pennellare dal fondo un cross sul quale non arriva Caputo ma alle sue spalle Masucci prende il tempo a Garofalo e insaccca di testa da due passi. Il Comunale esplode e gli uomini di Aglietti capiscono di avere la partita in mano e assieme ad essa l’ occasione per compiere un altro grande salto verso l’ obiettivo.

Soltanto Galabinov entrato nel finale riesce ad impensierire Iacobucci mentre la difesa di casa si conferma davvero impenetrabile anche di fronte al nutrito reparto offensivo piemontese. Nella giornata in cui la Gradinata Sud prende il nome di Ermes Nadalin recordman di presenze in biancoceleste, l’ Entella si regala una vittoria importantissima che riscatta l’ immeritata sconfitta dell’ andata e al tempo stesso mette un solco profondo tra i chiavaresi e la zona play out distante oggi 9 punti. La squadra torna in campo già domattina, la tensione e l’ attenzione rimangono altissime perché come ha detto lo stesso Aglietti il Sant’ Elia è un campo imbattuto ma …….

LASCIA UN COMMENTO