Serie B: Bari-Entella 1-1, pari al S. Nicola

0
CONDIVIDI
Tifosi dell'Entella

GENOVA 10 OTT. Partita difficile superata dall’ Entella che per la terza volta torna da Bari con un punto e la consapevolezza consolidata di essere squadra matura, organizzata, ordinata insomma una squadra di categoria. D’ accordo non sara un esame da 10 e lode ma la sufficienza è ampiamente meritata pur con qualche miracolo di Ale Iacobucci che in più di un occasione ha dovuto superarsi per impedire agli attaccanti baresi di nuocere oltre alla prodezza di inizio partita firmata Franco Brienza.

Pur con uno schieramento assolutamente inedito la squadra di Breda ha mostrato la solita organizzazione di gioco la capacità di adeguarsi alle sofferenze della partita e la personalità di chi vuole giocarsela con tutti. Tuttavia la differenza di qualità delle prestazioni esterne rispetto a quelle offerte al Comunale è altrettanto evidente ed è l’ elemento sul quale Breda sa di dover lavorare. Un Entella troppo dimessa quella del S. Nicola troppo votata a contenere e poco ad offendere esibendo ed esaltando in questo modo le doti di un portiere a cui la categoria inizia a stare stretta, come Alessandro Iacobucci. Almeno 5 gli interventi prodigiosi e decisivi compiuti dall’ estremo difensore biancoceleste oggi più che mai ultimo baluardo della squadra chiavarese.

Come detto l’ undici inedito schierato da Breda era figlio delle defezioni dell’ ultima settimana con i problemi fisici denunciati da Palermo e Masucci entrambi rimasti a Chiavari. Con Gerli ed Ammari nuovamente tra i convocati ma non ancora al meglio il centrocampo dell’ Entella vedeva Belli e Sini ai fianchi di capitan Troiano. In avanti confermata la coppia Cutolo Caputo che oggi non è riuscito ad ad essere un profeta incisivo in patria. Il gran gol a freddo segnato da Brienza con arresto e tiro di altra categoria, sembrava segnare subito una partita che ovviamente non era facile. L’ Entella però ha subito il merito di reagire allo svantaggio e di colpire alla prima occasione con l’ angolo di Tremolada per Iacoponi il quale gira bene sul primo palo costringendo Micai alla respinta ancora sui piedi del n° 19 che con un pregevole esterno destro batte di potenza a rete. Per i chiavaresi è il gol numero 100 in cadetteria in un cammino iniziato con il gol di Marco Sansovini al Dallara di Bologna.

 

Lo schiaffo dell’ Entella non spaventa il Bari che con Fedato, Di Cesare e in un paio di occasioni con Martinho per imprecisione o per bravura di Iacobucci non riesce a sfondare. L’ Entella allegerisce ogni tanto la pressione con le ripartenze alle quali manca però spesso il passaggio finale. Stessa musica nella ripresa, Breda prova ad “appesantire” l’ attacco facendo esordire Diaw per Tremolada, quindi rinfotza il reparto centrale con il ritorno di Gerli prima per Keità e di Ammari poi per Cutolo. Iacobucci salva d’ istinto su De Luca quindi poco dopo compie un doppio miracolo prima su De Luca quindi sulla ribattuta di Fedele. Le ultime due occasioni per i galletti sono ancora sui piedi di Brienza e Di Cesare mentre nel finale l’ Entella con due punizioni insidiose di Sini mette i brividi a Micai.

Dopo gli interminabili sei minuti di recupero i biancocelesti si tengono stretti un punto pesante ottenuto contro un avversario di indubbio valore. Un risultato positivo che come detto non soddisfa Breda il quale parla apertamente della peggiore Entella della stagione ma al tempo stesso si gode la ritrovata continuità di risultati volgendo già lo sguardo ad un’altra sfida difficile in programma sabato prossimo al Comunale quando di fronte ai chiavaresi ci sarà il Benevento rivelazione di questo inizio stagione appena battuto di misura nel derby dalla Salernitana.

LASCIA UN COMMENTO