SECHI. LE MOTIVAZIONI DELLA CONDANNA A 30 ANNI

0
CONDIVIDI
Angelo Sechi condannato all'ergastolo

angelo sechi segnaleticaGENOVA. 11 GIU. I giudici della Corte d’assise di Genova nelle motivazioni della condanna ad Angelo Sechi, l’operaio edile condannato a 30 anni per omicidio volontario aggravato e rapina impropria della sua vicina di casa Giovanna Mauro avvenuto nell’ottobre 2013, scrivono che il Sechi agì “con accanimento” infierendo su una “persona fragile anziana verso la quale non aveva alcuna ragione di ostilità”.

LASCIA UN COMMENTO