Home Cronaca Cronaca Genova

Se a Genova la Giustizia non è uguale per tutti: stop esproprio beni ai nomadi ricchi

25
CONDIVIDI
Campo nomadi a Bolzaneto

GENOVA. 28 SET. Sequestro di circa 9 milioni di euro (moto, auto di lusso, camper, ville, terreni, attività commerciali) grazie alla brillante operazione investigativa dei carabinieri, ma stop dei magistrati alla confisca dei beni ad alcuni nomadi.

Il cortocircuito ha come protagonista, ancora una volta, l’amministrazione della Giustizia ed i modi in cui viene fatta rispettare la Legge nella nostra città.

Accade che gli investigatori, dopo la lunga ed accurata indagine dei mesi scorsi, siano finalmente riusciti ad ottenere il sequestro dei beni per taluni appartenenti alle famiglie sinti del campo di Bolzaneto, che secondo l’accusa sono stati acquistati con guadagni mai dichiarati perché ottenuti sostanzialmente con attività illecite.


Genova ed i cittadini onesti, dopo tanti anni di proteste contro l’insediamento dei nomadi, hanno esultato.

Gli avvocati difensori dei nomadi, invece, si sono opposti ai provvedimenti, ritenuto “abnorme” rispetto ai fatti contestati, annunciando anche il ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo.

Tutto ok. Fino a quando i magistrati genovesi, come spesso avviene, si convincono che non basta ed occorre il passo successivo. Ossia la confisca, che prevede l’esproprio coattivo e quindi il divieto di utilizzo dei beni, ancora in mano a persone che loro stessi definiscono “socialmente pericolose”.

Solo che ieri mattina, al campo nomadi di Bolzaneto, quando i carabinieri sono arrivati per notificare l’atto di confisca e rimuovere anche i camper di lusso, è scoppiata una sorta di rivolta, con strada e militari bloccati, sedata solo con l’arrivo di due ufficiali dell’Arma e dalla promessa di parlarne con la Procura.

Alla fine, dopo una lunga trattativa, è finita tutto a tarallucci e vino, con i carabinieri costretti a battere in ritirata ed a lasciare tutto lì nel campo nella disponibilità dei nomadi.

Talune toghe genovesi, spesso inflessibili con altri cittadini, ma in questo caso con il cuore grande così, si sarebbero commosse al punto da accettare di rinviare l’attuazione dei provvedimenti di esproprio coattivo “per motivi umanitari”.

L’interruzione temporanea delle misure, infatti, sarebbe stata adottata perché, in sostanza, nei camper ci abitano anche dei bambini.

I mezzi, quindi, al momento rimangono a Bolzaneto. “Forse” si provvederà ad immobilizzarli, magari con delle ganasce alle ruote. Non si sa, invece, quando si procederà all’alienazione dei beni.

Dura lex, sed lex. Evidentemente non per tutti. Cittadini onesti beffati un’altra volta. FGraf

 

25 COMMENTI

  1. Davide Chella: Appunto, legga prima di pubblicare commenti inutili. Comunque, concordo con Stefy Rossi e Massimo Pellerano. Con i soldi che taluni nomadi immagino abbiano (si parla di beni per 9 milioni di euro) i loro bambini se li possono anche portare in un hotel a cinque stelle. Indifendibili.

  2. Allora facciamo il punto: non possono e non devono stare lì però si valuta la possibilità di mettere le ganasce ai camper così avranno la scusa di rimanere lì e se un italiano ha debiti con l’ente di riscossione gli ipotecano la casa, gli impediscono di utilizzare mezzi di proprietà e notificano all’eventuale datore di lavoro il divieto di erogare il TFR. Allora bisogna fare come loro, nulla di intestato, lavori solo in nero e sconosciuti all’anagrafe tributaria. Semplice…

  3. che schifo veramente per loro tutto si può per noi subito ci tolgono anche la pelle prendiamo esempio allora facciamo come loro rubiamo ecc ecc allucinante in che condizioni e che leggi fatte appositamente per coprire stì nullafacenti pagati da noi ovviamente

  4. Che schifezza, bisogna confiscargli definitivamente tutto e mandarli via a calci nel sedere altro che trovargli un’altra sistemazione!!! R….., s….., t……, quando va bene chiedono l’elemosina, non lavorano e girano con macchinoni che noi neppure ce li sogniamo.

  5. Io volevo chiedere come mai tutta questa gente con tutti sti soldi viene a vivere in Italia ..sara mica che abbiamo leggi ridicole che gli permettono tutto o abbiamo magistrati incapaci che si rivelano capaci solo contro di noi italiani

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here