Sciacchetrà degli immigrati: dare lavoro prima ai disoccupati spezzini

5
CONDIVIDI
La vendemmia alle Cinque Terre, Pucciarelli (Lega): dare prima lavoro ai disoccupati spezzini

LA SPEZIA. 15 SET. Secondo gli esperti, quella del 2016 è un’ottima annata per il prestigioso Sciacchetrà delle Cinque Terre. La vendemmia è cominciata e gli operatori sono soddisfatti, ma nello spezzino non si placa la polemica per l’utilizzo dei migranti nei vigneti al posto dei giovani disoccupati spezzini.

“Oltre al vitto, all’alloggio, al vestiario, garantiamo anche il lavoro agli immigrati, compreso il trasferimento sul posto. Se oggi c’è una sorta di razzismo, è sempre più evidente che è nei confronti degli italiani. Per il caso dei migranti utilizzati alle Cinque Terre, c’è da chiedersi come vengano erogati i voucher, se vanno direttamente a loro o se sono gestiti da chi li ospita.

Il dubbio sorge, visto e considerato che l’identità di chi arriva in Italia non è certa ed oltre i tre quarti poi non risultano rifugiati o perseguitati. Spesso, per identificarli con certezza occorrono anni. A volte, non si riesce mai.

 

Perché dobbiamo discriminare i nostri ragazzi e privilegiare quelli stranieri? Non ci sono giovani o disoccupati nelle Cinque Terre e nello spezzino, che possono rifare i muretti a secco od essere impegnati nella produzione dello Sciacchetrà? Perché il progetto è riservato agli ospiti stranieri della Caritas diocesana di La Spezia?

Di fronte ad anziani e bimbi di famiglie indigenti, oggi più che mai in seria difficoltà, vedere che qualcuno ha vitto, alloggio, vestiario gratis e magari un lavoro garantito, comprensivo di trasporto, mi sembra che sia uno schiaffo in faccia ai liguri e agli italiani”.

5 COMMENTI

  1. Sai perché gli italiani non vanno? Perché questo stato di merda permette salari da 200 euro al mese, tu dimmi come puó andare avanti un ragazzo?? Gli immigrati oltreché ricevere vitto ed alloggio gratis vengono pure pagati….grazie al cazzo!

  2. Sono certo che dopo due ore di lavoro nelle terrazze si siederanno e si rifiuteranno di andare avanti: spero tanto che i viticoltori diano il lavoro ai disoccupati spezzini che sono davvero tanti ed in tanti hanno una famiglia da mantenere

LASCIA UN COMMENTO