Scarpino. Chiesto il giudizio per sei

0
CONDIVIDI
M5s su Amiu: "Si va verso la privatizzazione"
Scarpino. a giudizio sei persone
Scarpino. a giudizio sei persone

GENOVA. 1 AGO. Nell’ambito dell’inchiesta sugli sversamenti della discarica di Scarpino e sullo smaltimento rifiuti, la procura ha chiesto il giudizio per sei persone.

Si tratta dell’ex direttore generale di Amiu Pietro D’alema, due funzionarie della Provincia e tre funzionari Amiu. Chiesto il giudizio anche per Amiu nella persona del legale rappresentante Marco Castagna.

Secondo l’ipotesi avanzata dall’ accusa, i rifiuti sarebbero stati smaltiti senza pretrattamento, senza differenziata e con l’impianto privo di certe autorizzazioni.

 

Le due dirigenti della Provincia sono accusate anche di abuso d’ufficio. Una avrebbe rilasciato l’autorizzazione per l’ampliamento del secondo lotto della discarica in assenza di opportune garanzie, in assenza della obbligatoria garanzia per la gestione post-operativa e avrebbe rilasciato l’autorizzazione senza che Amiu presentasse lo specifico Piano di Prevenzione e Gestione relativo alle acque.

Il tutto, sempre secondo la procure per far ottenere ad Amiu un ingiusto e ingente profitto.

L’altra, invece, avrebbe revocato, con un provvedimento illegittimo, la sospensione dell’Aia e avrebbe così consentito la riapertura della discarica e il conseguimento delle condotte illecite di smaltimento senza il preventivo trattamento dei rifiuti.

In ultimo per i vertici e i funzionari Amiu, le accuse riguardano le norme sulla gestione e lo smaltimento dei rifiuti.

LASCIA UN COMMENTO