Sarzano terra di nessuno: Prefetto pensi anche a noi, non solo ai migranti

8
CONDIVIDI
Il portavoce di uno dei Comitati di Sarzano s'incatena con le manette per protesta

GENOVA. 11 SET. Immigrati, insicurezza, degrado e movida selvaggia. Sarzano ormai è terra di nessuno. La scorsa notte, durante l’ennesimo raid vandalico e dopo gli interventi di polizia e carabinieri per lo spaccio di droga e le continue risse che dilagano nei caruggi, sono state distrutte aiuole e danneggiate numerose auto intorno Sant’Agostino.

Stamane c’è stato un sit-in di protesta degli abitanti e il portavoce di uno dei Comitati di residenti e commercianti, Cluadio Garau, si è incatenato con delle manette a un alberello per protesta.

“Le aiuole erano appena state rifatte dai residenti – spiega Garau – anche con un contributo economico autotassato. Qualche sera fa dei teppisti si erano messi a saltare su un tetto di un’auto parcheggiata a Sarzano. Se questo è il buon giorno. Attendiamo gli interventi promessi dalla Prefettura con maggiore presenza e presidi fissi delle forze dell’ordine e dei militari. Poi cominceremo a girare noi alla sera nel fine settimana. Non intendiamo vivere l’inferno della scorsa stagione. Alle 5 di oggi avevamo ancora ubriachi in zona. Televisione e Polizia sono intervenuti su nostra segnalazione. Domani denunceremo in commissariato i fatti. Chiediamo che la Polizia e i Carabinieri possano lavorare senza avere le mani legate e che la politica comunale si svegli, senza continuare a fare finta di nulla. Chiediamo al Prefetto che non pensi solo ai migranti, ma anche ai residenti stremati. Se non lo farà nessun altro, sabato prossimo saremo in piazza a difendere il nostro quartiere”.

 

 

 

8 COMMENTI

  1. E vi aspettate ancora un intervento della prefettura? Non sapete che già dalla precedente gestione prefettizia gli accordi (di concerto con le forze dell’ordine e con la Curia), erano di convogliare tutta la gentaglia di genova abitante non genovese solo nel centro storico. Gli altri quartieri non devono essere disturbato. A disposizione per chiarimenti

LASCIA UN COMMENTO