Home Cronaca Cronaca Genova

Prè, albergo da incubo gestito da pakistani: condizioni igieniche da Terzo Mondo

9
CONDIVIDI
Via Prè a Genova (immagine di repertorio).

GENOVA. 7 LUG. Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Prè hanno coordinato un servizio di controllo straordinario, effettuato con i colleghi del Reparto Prevenzione Crimine, ad una pattuglia mista Polizia-Esercito e a personale della Polizia Municipale- Settore Sicurezza Urbana Reparto Commercio, per contrastare l’abusivismo e gli esercizi commerciali non a norma.

Durante l’attività di controllo, sono stati ispezionati anche 4 esercizi commerciali di via Prè, tra cui un albergo (formalmente a due stelle) gestito da una famiglia pakistana, al cui interno sono state riscontrate condizioni igieniche pessime oltre che “pericolose irregolarità”.

Gli agenti, dopo aver trovato numerosi insetti nelle camere, un tubo del gas ‘scaduto’ dal 1996 posizionato sopra i fornelli del locale cucina-laboratorio, una stanza adibita ad abitazione privata dal 2011 con annesso angolo cottura e bombola del gas non a norma, oltre a varie irregolarità amministrative, hanno richiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco e di personale della competente A.S.L. 3 del Settore sicurezza alimentare.


Le camere dell’albergo dispongono di 25 posti letto complessivi, 12 dei quali erano occupati. I clienti pagano dai 40 ai 60 euro. la polizia ha riferito che fra i clienti, al momento del controllo, vi erano due donne senegalesi in viaggio per la Francia.

I titolari dell’attività ricettiva sono stati sanzionati per circa 10mila euro e quindi perentoriamente diffidati a svolgere una disinfestazione immediata dei locali e la regolarizzazione di tutte le difformità riscontrate.

La cucina-laboratorio è stata sottoposta a sequestro immediato.

 

9 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here