Home Cronaca Cronaca Imperia

Sanremo, agente ci rimette la milza: arrestati tunisini violenti e pericolosi

13
CONDIVIDI
Poliziotti aggrediti da migrante a Milano (foto di repertorio)

IMPERIA. 20 SET. Migranti violenti e pericolosi. Agente ci rimette la milza a Sanremo. Due tunisini di 33 e 19 anni oggi sono stati arrestati dalla polizia perché accusati, in concorso, della violenta aggressione avvenuta la sera del 20 agosto scorso a Bussana.

In quell’occasione, un agente del Commissariato di Sanremo era stato aggredito riportando lo spappolamento della milza, con successiva asportazione dell’organo. Il nordafricano ritenuto diretto responsabile della lesione alla milza del poliziotto è il 33enne.

I due immigrati devono anche rispondere di lesioni e rapina nei confronti del titolare di una pizzeria nel pieno centro di Sanremo. Il 33enne tunisino, secondo l’accusa, lo scorso 15 agosto aveva aggredito anche il pizzaiolo, fratturandogli il naso, dopo che la vittima aveva reagito ad un tentativo di rapina.


Il 20 agosto il tunisino era invece con due connazionali, tutti ubriachi, nei pressi di un supermercato di Bussana. Uno era stato subito bloccato. Un altro, il 19enne, era riuscito a fuggire insieme al 33enne che aveva colpito selvaggiamente.

Il giorno successivo l’aggressore del poliziotto era stato rintracciato, ma era stato lasciato libero.

Così, la stessa sera, insieme al giovane complice, era tornato nella pizzeria del centro di Sanremo, sfasciando il locale e rubando. Con le ulteriori indagini della Squadra Mobile, il gip si è finalmente convinto a firmare l’ordinanza di custodia cautelare in carcere per gli stranieri pericolosi.

“Un augurio di pronta guarigione all’agente di polizia – ha dichiarato il capogruppo regionale del Carroccio, l’imperiese Alessandro Piana – che ha fatto il suo dovere e, purtroppo, alcuni giorni fa è stato di nuovo ricoverato in ospedale.

Un ennesimo ringraziamento a tutti gli appartenenti alle Forze dell’ordine che, costretti a lavorare con le mani legate, tra mille difficoltà, sono riusciti ad individuare i presunti responsabili di violenze e gravi reati commessi sul nostro territorio.

Se nelle prime ore successive ai fatti il tunisino considerato più violento era stato rintracciato e rimesso in libertà, grazie alle ulteriori indagini della Squadra Mobile adesso il Giudice si è finalmente convinto di ciò che forse appariva evidente fin dall’inizio. Anche perché i nordafricani risultavano già gravati da pregiudizi di polizia, ma erano liberi e non erano mai stati rimpatriati.

In altre parole, il Gip ha riconosciuto che si tratta di persone pericolose e, pertanto, ha finalmente firmato l’ordine di custodia cautelare in carcere.

Questa è la strada giusta da seguire. Gente del genere non può essere lasciata libera. Diritti e doveri devono essere uguali per tutti. Occorrono giusta prevenzione e certezza della pena.

In questi casi ci vogliono quindi più arresti, senza indugi, perché ormai ogni giorno registriamo fatti di violenza ad opera di taluni migranti, sempre più aggressivi nei confronti della cittadinanza e delle forze dell’ordine.

In ogni caso, con Matteo Salvini e la Lega al governo, polizia e carabinieri avranno mano libera per proteggere i cittadini e far rispettare la legalità. Rimpatrio immediato per chi non rispetta le regole e finora ha approfittato del buonismo della sinistra, che tutela e favorisce il business immigrati a discapito della sicurezza nel nostro Paese”.

Agente ci rimette la milza, sindacato polizia: migranti violenti sono delle belve

Agente ci rimette la milza, sindaco Biancheri: migranti violenti da rimpatriare, vicinanza a poliziotti

Migranti violenti, agente aggredito ci rimette la milza: vince partito anti polizia

 

13 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here