Home Cronaca Cronaca Genova

Sampierdarena, una mattina di paura come tante sul bus: maxi rissa tra sudamericani

55
CONDIVIDI
Bus Amt (foto di repertorio)

GENOVA. 2 GIU.  Una mattina di paura come tante sui bus che trasportano sudamericani a Sampierdarena. Stavolta, la maxi rissa è avvenuta intorno alle 9, tra bimbi, anziani e famiglie impaurite.

Il violento episodio è andato in scena a bordo del bus della linea 18 in piazza Montano, tra due gruppi di sudamericani. Sul posto sono intervenute le volanti della questura, chiamate dagli altri passeggeri che sono  scappati terrorizzati da tanta violenza. Alla fine, gli agenti ne hanno acchiappati otto, denunciandoli per rissa aggravata.

Secondo i primi accertamenti, un ragazzo e una ragazza colombiani hanno cominciato a litigare e la fidanzatina è stata colpita da uno schiaffo. A questo punto, tre ecuadoriani 40enni sono intervenuti ed è scattato il violento alterco, proseguito con botte da orbi.


I tre sono stati accerchiati da altri connazionali del ragazzo, che hanno cominciato a picchiarli con calci e pugni scatenando la rissa.

Uno degli ecuadoriani ha riferito che ad aggredirli sono stati i componenti dei Latin King, storica gang a Genova, anche se gli investigatori al momento escludono questa ipotesi.

 

55 COMMENTI

  1. Ma perché sopportare questa gente , rimandiamo li hai loro paesi, non se né può più, mi domando perché devono stare qui?L’Italia è degli Italiani!!!!!!!!!!!!!!!!!!!cazzo!!!!!!!!!

  2. Chi si comporta bene/civilmente non può essere contestato… La colpa è delle nostre autorità che non usano determinazione con chi lo merita. Sappiamo che ci sono anche persone per bene, ma sono talmente jn minoranza che poi finiscono nel calderone…

  3. si sono integrati benissimo veramente brave persone invece di prenderli ha manganellate e rispedirli al loro paese che faranno una denuncia che sicuramente ne avranno delle righe e poi liberi nuovamente

    • Ma quali guerre???? La guerra dell’Ecuador ? La guerra del Perù? La guerra del Senegal? Ma finitela di dire cazzate! Chi lavora e si comporta da persona civile vive qua ecc benissimo, chi viene qua solo per farsi i cazzi propri in un paese normale verrebbe rispedito a casa PROPRIA! che sia nero,bianco,rosso o blu.
      Anche in Italia ormai ci sono milioni di persone che muoiono di fame eppure nessuno dice mai un cazzo… se l’italiano chiede soldi al semaforo: eh guarda un parassita, questo non ha voglia di fare niente..
      Se al semaforo c’è uno straniero chiunque sia nero blu rosso ecc
      Eh poverino scappa dalla guerra… FINITELA DI SPARARE CAZZATE! Non scappano da nessuna guerra

  4. no se que pasa en italia las leyes son una mierda o que? si pasa este tipo de cosas se le debe mandar a su pais sea quien sea ,los italianos tampoco son unos angelitos no jodan

  5. Tanto e’ inutile che vi lamentate ormai l’Italia diventerà sempre di più di razze miste, lo
    Vogliono loro i potenti della terra, vogliono mischiarci, più noi non li vogliamo più loro li fanno entrare x farci scannare a vicenda e produrre odio, quindi mettetevi l’anima in pace e conviveteci con serenità, gli stranieri non sono tutti uguali ci sono i bravi e i cattivi come del resto anche noi italiani non siamo tutti uguali. Lo stato ci guadagna facendoli venire qui e’ tutto un business, xché x loro i soldi li cacciano fuori x le cooperative ecc. ecc. e poi lo sappiamo tutti come funziona, quindi io mi sono rassegnata, me ne andrò dall’Italia in un paese dove non mi odia nessuno dato che sono italiana, xché non ci andrei mai in un paese dove ci odiano, e loro che vengono qui in Italia se ne straffottono di noi xché fanno quel caxxo che vogliono, ricordate la colpa e dello stato falso e politica pizzettara verso di noi che ci succhiano il sangue con tasse e tutto, x poi mantenere loro.
    Si salvi chi può.
    E premetto che non sono razzista anzi sono loro razzisti verso di noi ma non tutti sempre una piccola parte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here