Samp, Viviano “Felice per il rigore parato”

0
CONDIVIDI
Emiliano Viviano

GENOVA 17 OTT.  Emiliano Viviano si è presentato nella mixed-zone dello stadio “Adriatico” con la mano sinistra bendata e c’è da sperare in bene, viste le parate fatte contro il Pescara. Prima di fasciarci la testa però – oltre al pollicione e al metacarpo – bisogna fargli i complimenti per averci tolto di nuovo le castagne dal fuoco. «Sono felice per il rigore – commenta il numero 2, che è ora a quota 5 penalty negati dal suo arrivo a Genova -, però avrei voluto vincere. Eravamo in superiorità numerica e dovevamo fare di più. Un punto muove la classifica, ma per come si era messa la partita una squadra con qualità tipo la nostra deve creare più occasioni. Oggi la prestazione non mi è piaciuta: abbiamo fatto meglio altre volte, senza raccogliere nulla».

Rigori. Torniamo alla specialità delle parate dagli undici metri: con questa sono 17 su 54 possibilità, circa una ogni tre. «È una buona media – sorride sotto i baffi il salva-Samp -, stavolta ho avuto modo di studiare chi calciava. Quando si incontrano le grandi squadre è più difficile: gente come Totti ha tirato decine di rigori e può eseguirlo in tutti i modi. Oggi mi aspettavo Aquilani sul dischetto, ma poi si è presentato Caprari. Sapevo avrebbe tirato così, glielo avevo visto fare in Serie B».

LASCIA UN COMMENTO