Samp, Soriano “Il Gruppo Determinante per Vincere il Derby”

0
CONDIVIDI
Roberto Soriano
Roberto Soriano
Roberto Soriano

GENOVA 9 GEN.  «Non poteva iniziare meglio il 2016: abbiamo vinto il derby, che per la città è molto importante, e poi ho segnato anche due gol». Comincia così l’intervista esclusiva a Premium Sport di Roberto Soriano, che sottolinea sin dalle prime battute l’importanza del gruppo nello scacco matto ai rivali rossoblù, più che la sua prestazione individuale: «È stata una grande vittoria, abbiamo fatto una bellissima partita. Ognuno di noi ha dato il massimo, è stato un successo frutto del lavoro di squadra».

Una cosa a fini statistici però va detta: nessun capitano della Sampdoria aveva mai segnato una doppietta, per di più decisiva, nella stracittadina. «Me lo ha detto Eder – afferma -, ma la cosa più importante è avere portato a casa i tre punti. Finalmente riusciamo a mettere in pratica quello che il mister ci chiede». Una richiesta diretta di Montella è di certo quella di inserirsi il più possibile in area. «Ci ho preso gusto – ammette -, questo è il mio sesto gol, il mio record personale. Devo dire grazie ai compagni, e in particolare a Cassano, che mi dà dei palloni splendidi. Antonio, d’altronde, è un campione».

Si può dire che è iniziata l’era Montella, no? «Sì – annuisce il classe ’91 -, anche se il cambio di allenatore, portando idee nuove e cambiamento, richiede un po’ di tempo prima di funzionare. Abbiamo giocatori di qualità e adesso ci è richiesto di tenere palla a terra e fare molti passaggi, è un altro modo di giocare rispetto a prima». Ora il calendario propone una grande avversaria, la Juventus. «Da anni sono i più forti in Italia – continua nelle risposte all’intervistatore di Mediaset -, ma il derby ci ha dato una spinta positiva, per cui ce la giocheremo. A Marassi abbiamo già fatto grandi imprese».

 

Pensieri. Un paio di volti conosciuti domenica si faranno vivi sulle tribune del “Ferraris”. «Sono grato a Marotta e Parici – dice l’ex Bayern, tesserato in blucerchiato proprio dal duo di mercato della Samp garroniana -, ma sarà anche bello averli come avversari questa domenica. C’è un interesse di mercato su di me? Per questo esistono le società e i procuratori, non sono io a doverne parlare. Fa piacere essere apprezzato, ma sono a Genova da sei anni e mi trovo bene. C’è solo la Sampdoria nei miei pensieri».

LASCIA UN COMMENTO