Samp, Soriano “A Verona vinto con la cattiveria giusta”

0
CONDIVIDI
Roberto Soriano
Roberto Soriano
Roberto Soriano

GENOVA 7 MAR.  Roberto Soriano è il prototipo del giocatore moderno: fisico ben costruito, qualità in dosi massicce e notevole sostanza. Nonostante il suo carico di fantasia e la raffinatezza del suo destro, il centrocampista non può però esimersi dal dire che le vittorie si costruiscono con la rabbia e la volontà: «Abbiamo dimostrato grande carattere. In tante partite siamo stati inutilmente belli, quando invece per fare punti servivano grinta e cattiveria. Nello spogliatoio ce lo siamo detti: prima mettiamo quelle e poi la qualità. In questo modo abbiamo ritrovato una vittoria esterna che mancava da tempo».

Domanda un po’ scontata: a chi si dedica questo gol? «Lo dedico alla Sampdoria – risponde il capitano, assai meno banale -, perché sia d’aiuto per uscire da questa situazione nella quale ci siamo infilati da soli. Se penso all’Europeo? Ovviamente è il sogno di tutti. Cerco di farmi notare da Conte con le mie prestazioni». Ma torniamo a noi, al finale di campionato. «Non dobbiamo porci obiettivi oltre la salvezza – fa spalucce -, pensavamo di fare meglio e occupare posizioni diverse ad inizio campionato. Poi ci siamo ritrovati in basso e non è facile uscire da situazioni così. Con la cattiveria mostrata oggi ce la possiamo fare».

LASCIA UN COMMENTO