Home Sport Sport Genova

SAMP, FERRERO “CON LA ROMA POTEVAMO VINCERE”

0
CONDIVIDI
ferrero
Il Presidente della Samp Massimo Ferrero

ferrero_sampGENOVA 27 OTT. «Io sono una new entry del calcio e posso anche sembrare presuntuoso, però penso che nessuno debba temere nessuno. Bisogna giocarsele le partite: ieri sera abbiamo avuto tre palle gol e la Roma due però parlano solo della parata di Romero». Massimo Ferrero non le manda a dire. Come sempre, del resto. Anche nel corso di Stadio Sprint, il presidente blucerchiato ha scelto la via della schiettezza per far capire ciò che pensa. «Sampdoria? Meglio dire Sampgloria – risponde col sorriso al conduttore Rai Enrico Varriale – La Roma? Penso che sia una grande squadra con nomi noti in un campionato a parte, quello tra i giallorossi e la Juventus. Anche se credo che la Roma sia la favorita per lo Scudetto. La Juve? Ha avuto fortuna che la Roma l’abbiamo trovata noi. Quando andrò a Torino faremo due gol pure a loro».

Okaka. «Alla fine sono contento del pari di ieri, con poco si campa e con niente si muore spiega tornando alla sfida di Marassi -. Però all’87’ potevamo vincere, se avessimo segnato la Roma si sarebbe svegliata diversamente. Okaka l’ha vista all’ultimo la palla altrimenti avremmo vinto e purgato i romanisti».

Mercato. «Mihajlovic all’Inter? Penso solo che quando si è fidanzati con una bellissima donna – sostiene Ferrero -, tutti la desiderano. Quindi per adesso Mihajlovic è mio e me lo tengo stretto, se poi in futuro deciderà di andare ne riparleremo. Lui è un grande uomo e una persona seria, pensa solo alla Samp. Il calciomercato? A gennaio valuteremo le occasioni, se Mihajlovic ha bisogno di rinforzi allora sarà accontentato. Abbiamo due giocatori per ruolo, in alcune zone anche tre. Faremo tutto quello che sarà necessario».


Tagli. Anche sui tagli allo sport, il numero uno di Corte Lambruschini ha le idee chiare: «Se tolgono i soldi al calcio li tolgono ad un’industria. Fanno i tagli al calcio come fecero al cinema: cominciassero a tagliare la politica sarebbe meglio. Però chiedete a Giovannino Malagò, lui è bravo. Ho parlato con Ottonello del CONI Liguria, mi ha detto che per questo sport non ci sono soldi. Tagliano e tagliano, ma che tagliano? Tagliassero l’erba nei campi che fanno ridere».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here