Home Cronaca Cronaca Italia

“SALONE DEL GUSTO”: STORIE E CULTURE DEI MIGRANTI PER LA PRIMA VOLTA ALLA KERMESSE TORINESE

1
CONDIVIDI

slowfoodsalone14logolnTORINO 16 OTT. I sapori, i profumi, le culture diverse arrivano a Torino non solo dall’estero. Infatti, quest’anno per la prima volta il “Salone del Gusto e Terra Madre”, ormai alle porte dal 23 al 27 ottobre a Torino presso “Lingotto Fiere” e “Oval”, organizzato da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino, in collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, apre le porte a un’importante delegazione di migranti: 102 rappresentanti, 70 uomini e 32 donne, per lo più giovani (l’età media è di 37 anni).slowfoodmigrantiitalialn

L’idea è quella di invitare gli immigrati che fanno parte delle comunità maggiormente numerose dal punto di vista demografico in Piemonte per raccontare il contributo – in alcuni casi determinante – che queste persone danno alla filiera alimentare italiana, lavorando nelle vigne, nelle malghe in montagna, nelle botteghe artigiane, nei ristoranti….Si pensava di riuscire a rappresentare solo 8 paesi, ma gli organizzatori sono arrivati a 19 comunità, tra cui 4 rifugiati che vivono a Torino.

Tutte queste persone sono arrivate in Italia con una storia unica da raccontare, fatta di speranza, di lavoro e di passione. Ecco alcuni dei protagonisti.


Hassane Serrafe è di origine marocchina e ha 53 anni. Vive in Italia dalla fine degli anni ‘80. Abita a Bricco de Faule, frazione di Cherasco, ed è operaio presso un’azienda metalmeccanica che produce ingranaggi per automobili.slowfoodaspromieleln

La sua passione per l’apicultura e per le api è iniziata già quando era bambino e osservava il nonno mentre raccoglieva il miele dagli alveari. A Cherasco, grazie a un collega apicoltore per hobby, ha iniziato a interessarsi all’argomento e grazie ai corsi organizzati da “Aspromiele”, l’Associazione Regionale Produttori Apistici del Piemonte, ha acquisito le basi per comprendere a fondo il mondo delle api. Oggi Hassane ha 5 arnie e da due anni concilia l’attività di metalmeccanico con quella di apicoltore.

slowfoodponceanacecilialnAna Cecilia Ponce (in foto) ha 48 anni, è peruviana e da anni è mediatrice culturale presso l’Asl di Torino. Nel tempo libero, svolge attività che favoriscono il dialogo interculturale anche tramite la cucina di piatti tipici e partecipa alle fiere per presentare i prodotti peruviani. Vive in Italia da dodici anni e ha una grande passione per l’insegnamento, la scrittura, l’animazione e la cultura del suo paese. Fa parte della “rete italiana di cultura popolare” e partecipa al progetto “Indovina chi viene a cena”, occasione per far conoscere la cucina del suo Paese di origine.slowfoodquinoaln

Ana Cecilia svolge varie attività destinate a “genitori e figli” del gruppo “Abele”, organizza corsi di cucina naturale e promuove il consumo della quinoa, cereale andino. Uno dei piatti che cucina spesso nelle manifestazioni è la salsa huancaina, con peperoncino, formaggio fresco, latte e chicha, bevanda fatta con il mais nero-viola bollito con chiodi di garofano, cannella, ananas, mela, zucchero e limone.

Abdulahi Ahmed (in foto sotto) ha 25 anni, è somalo. Ha raggiunto l’Italia nel 1998, dopo sei mesi di viaggio attraverso il deserto e il Mediterraneo: “Oggi forse non rifarei quel viaggio, avrei più paura. Per mandarmi qui i miei genitori, i miei cinque fratelli e tutti i parenti e gli amici hanno raccolto 1.500 Euro. Sul barcone sono salito di mia volontà, sapevo quello che facevo. Mi sento fortunato e anche grato. Più della metà dei ragazzi che incontro nei licei mi dice che tutto fa schifo e che il loro sogno è andare in un altro Paese. Non voglio giudicare nessuno, ma sono stupito: se avessi avuto in Somalia quello che hanno loro, scuola pubblica, sanità pubblica, elezioni libere, ci sarei rimasto volentieri”. slowfoodabdulahiahmedlnOra Abdulahi è un rifugiato politico, lavora come mediatore culturale e sta per iniziare il servizio civile, che ha scelto di svolgere proprio nelle scuole. È in attesa della cittadinanza italiana, ma nel frattempo il Consiglio Comunale di Settimo Torinese gli ha conferito la cittadinanza onoraria.

Da Roma arriva Suleman Diara (in foto), 28 anni, originario del Mali. Da piccolo lavorava in campagna con la sua famiglia coltivando mais, miglio, sorgo e riso. slowfooddiarasulemanNon è mai potuto andare a scuola e ha imparato a leggere e scrivere da adulto, in Italia. Oggi è presidente della Cooperativa Sociale Barikamà (“resistente” in una delle lingue del Mali) che, attraverso la produzione e commercializzazione di yogurt e ortaggi biologici, facilita l’inserimento sociale e l’informazione sullo sfruttamento dei braccianti agricoli. Suleman sbarca in Italia nel 2008 dopo un viaggio lungo più di quattro anni. Qui trova il boccone amaro dello sfruttamento a Siracusa, Foggia e Rosarno.slowfoodbarikamaln

Nel 2010 scoppia la rivolta e Diara capisce che qualcosa può cambiare. Ricomincia da Roma con 15 litri di latte, due instancabili collaboratori e un’idea: produrre yogurt biologico e consegnarlo per le strade della capitale in bicicletta. In questi tre anni “Barikamà” ha fatto molti chilometri, è arrivato a dare lavoro a sei persone e quei 15 litri iniziali si sono trasformati in 150 a settimana distribuiti anche attraverso i Gruppi di Acquisto Solidale della città.

Al “Salone” sono due gli appuntamenti dedicati al tema dei migranti. A entrambi partecipa Stefano Liberti (in foto)slowfoodlibertistefanoln, giornalista e regista italiano che ha diretto numerosi documentari e nel 2009 ha vinto il “Premio Indro Montanelli” con il libro “A sud di Lampedusa. Cinque anni di viaggi sulle rotte dei migranti”, ed. Minimum Fax, 2008.

Venerdì 24 alle ore 18:30, Liberti presenta il suo ultimo e tanto discusso web-documentario, in collaborazione con Mathilde Auvillain, “The Dark Side of the Italian Tomato”.

In Ghana la vendita di pomodoro italiano a prezzi stracciati altera i mercati locali e distrugge l’economia rurale. In Italia, la filiera incassa i sussidi comunitari, ma non rinuncia a sfruttare gli stranieri nei campi per la raccolta. Il web-documentario presenta questo caso di dumping drammatico e paradossale.

slowfoodlandagrabbinglnDomenica 26, alle ore 15, nella Conferenza “Land grabbing e ocean grabbing: giù le mani dalla terra e dal mare!”, Liberti, insieme a Eric Holt-Giménez Direttore di “Food First”, Ana Paula Tauacale Vicepresidente dell’UNAC, L’Unione Nazionale di Contadini, María Luisa Albores González della Cooperativa Tosepan Titataniske, e Timothé Feodoroff di Transnational Institute, discute questo spinoso tema che mette a rischio l’economia e lo sviluppo agricolo dei paesi più poveri del mondo. Liberti si è occupato di questo tema nel libro “Land grabbing. Come il mercato delle terre crea il nuovo colonialismo”, ed. Minimun Fax, 2001.

Si può seguire l’avvicinamento al Salone del Gusto e Terra Madre 2014 anche sui social
https://www.facebook.com/salonedelgustoterramadre
https://www.facebook.com/Italia.slowfood
https://twitter.com/slow_food_italy (segui #SaloneDelGusto #TerraMadre)
https://www.youtube.com/user/SlowFoodItalia

Marcello Di Meglio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here