Home Cronaca Cronaca Genova

S. MARGHERITA LIGURE. AL VIA DA IERI “FIERETA'”: HI TECH PER L’INVECCHIAMENTO ATTIVO

0
CONDIVIDI

robotgiraflnGENOVA 26 OTT. Dal robot “Giraf”, progettato dal Cnr che si muove per la casa insieme all’anziano in continuo collegamento “Skype” (in foto), ai giardini terapeutici per i malati di Alzheimer; dagli arredi accessibili a misura di carrozzina, alle magliette indossabili per monitorare i parametri vitali, passando per i sensori nelle stanze che percepiscono la presenza di persone, fino alla possibilità di arrivare alla colf robotica per i lavori di casa.

Sono questi alcuni degli oggetti e dei prototipi presentati ieri mattina a “Fieretà”, la prima fiera italiana dedicata all’invecchiamento attivo in corso nella cornice di Villa Durazzo a Santa Margherita Ligure, dove resterà fino a domani, domenica 27 ottobre. “Una tre giorni – illustra una nota – aperta al pubblico dalle 9:30 alle 18, organizzata dall’Assessorato al Welfare della Regione Liguria a chiusura del progetto europeo “Senior Capital” dedicato all’invecchiamento attivo. Un momento di riflessione nel quadro delle politiche europee, per pianificare attività future connesse al capitale umano e al lavoro degli over 65enni.

L’evento giunge dopo il recente riconoscimento della Liguria, da parte della Commissione Europea, come sito di riferimento per la terza età attiva per rendere la regione un laboratorio permanente sull’invecchiamento attivo, da promuovere e sviluppare non solo con il lavoro sul territorio, ma anche grazie alle sue relazioni e ai suoi progetti internazionali.


Nell’ambito della Fiera si è svolta anche la Conferenza di medio termine del progetto europeo ”Senior Capital” alla presenza dell’Assessore Regionale alle Politiche Sociali, Lorena Rambaudi, e del Sindaco di Santa Margherita ligure, Roberto De Marchi.

Degli 1,6 milioni di abitanti liguri, 430mila hanno più di 65 anni, pari al 27% della popolazione, con un indice di vecchiaia di 231,9 che in alcune zone dell’entroterra si impenna fino ad arrivare a 500, raggiungendo anche il record negativo di 746,9. Cifre molto superiori all’indice italiano che ammonta a 143,4.

Marcello Di Meglio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here