Rumentopoli, 800 euro ai vigili del fuoco per evitare denuncia

3
CONDIVIDI
Un cassonetto dato alle fiamme. Alcune presunte pecore nere dei vigili del fuoco avrebbero accettato una cagnotta per evitare la denuncia di un rogo doloso alla Switch 1988
Un cassonetto dato alle fiamme. Alcune presunte pecore nere dei vigili del fuoco avrebbero accettato una cagnotta per evitare la denuncia di un rogo doloso alla Switch 1988
Un cassonetto dato alle fiamme. Alcune presunte pecore nere dei vigili del fuoco avrebbero accettato una cagnotta per evitare la denuncia di un rogo doloso alla Switch 1988

GENOVA. 8 MAR. Rumentopoli e presunte pecore nere fra gli angeli dei pompieri genovesi. Ottocento euro destinati alla sponsorizzazione di un gruppo sportivo dei vigili del fuoco per chiudere un occhio dopo un incendio, che si era sviluppato nell’impianto di compattazione rifiuti della Switch 1988, la società di trattamento rifiuti finita sotto inchiesta con Amiu. Il rogo sarebbe stato doloso e provocato dai dipendenti.

Nel provvedimento del Tribunale Genova, che ha fatto scattare gli arresti di stamane, risultano indagati anche tre presunti furbetti appartenenti ai vigili del fuoco, che avrebbero accettato il denaro di Maurizio Dufour (rappresentante legale della Switch 1988 arrestato ai domiciliari).

Nelle varie captazioni telefoniche, durante alcune conversazioni , i manager delle aziende coinvolte avrebbero parlato anche della necessità di “stoppare” la segnalazione del rogo doloso all’autorità giudiziaria: “mettiamoci una pezza, un collega ha detto che sono state date indicazioni su come fare le sponsorizzazioni”.

 

 

3 COMMENTI

  1. Miii. S…. tesserati del PD, parenti di onorevoli famosi,…………P….. esose, tassa sui rifiuti anche.. Poi Genova è sempre lurida e a Tursi nessuno ha visto nulla, o quasi… Votate PD, è sempre colpa degli altri..

LASCIA UN COMMENTO