Home Spettacolo Spettacolo Genova

Royal Ballet of Moscow porta alla Corte Lo Schiaccianoci

0
CONDIVIDI
Royal Ballet of Moscow porta alla Corte Lo Schiaccianoci

GENOVA. 5 DIC. La danza non è di solito in programmazione al Teatro alla Corte, ma evidentemente quest’anno il teatro di prosa più importante della città ha deciso di aprire le porte anche ad essa e così, il prosimo mercoledì 7 dicembre alle ore 21.00, il Teatro Stabile di Genova, Il Teatro Verdi di Montecatini Terme e Euroeventi presentano in esclusiva per l’Italia il Tour Mondiale del Royal Ballet of Moscow the Crown of Russian Ballet in Lo Schiaccianoci, il famosissimo balletto di Natale in due atti e quattro scene musica Pëtr Il’ič Čajkovskij.

Lo spettacolo si baserà sulla tradizionale coreografia di Lev Ivanov e Marius Petipa con un adattamento ad opera di Anatoly Emelyanov.  Una esclusiva per l’Italia che vede il tour di una compagnia formata da ballerini provenienti dai migliori teatri di tradizione. Diretto da Anatoly Emelyanov, fondata dallo stesso Emelyanov e da Anna Aleksidze nel 1997, il corpo di ballo annovera tra le sue fila ballerini di grande esperienza e raffinatezza artistica, provenienti dai migliori teatri russi. Anatoly Emelyanov è un ballerino molto apprezzato nel suo paese, la sua filosofia è portare l’eccellenza della danza russa nel mondo, in Italia questa stagione porta due grandi classici Il lago dei cigni e Lo schiaccianoci. Nel corso degli anni la compagnia ha realizzato tournée in Inghilterra, Irlanda, Stati Uniti, Thailandia, Cina, Giappone, Israele, Messico, Svezia, Germania, Francia, Spagna e Portogallo, riscuotendo un grande successo internazionale. E per la prima volta nella storia del balletto russo, il Royal Ballet of Moscow ha effettuato una tournée nell’Africa orientale, visitando paesi come la Tanzania, lo Zambia e il Kenya. La loro filosofia artistica prevede non solo la messa in scena dei grandi classici del balletto, ma anche la creazione di un repertorio moderno di più ampio respiro, rivolto ad un pubblico sempre più vasto.

FRANCESCA CAMPONERO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here