Home Politica Politica Genova

Rosso e Balleari a Doria: vergognoso patrocinare evento pro teoria gender

5
CONDIVIDI
Domani a Genova arriva Giorgia Meloni

GENOVA. 6 MAG. “Vergognoso e grave il patrocinio concesso da Comune e Città metropolitana di Genova a una rassegna di teatro gender con laboratori per bambini”.

Lo hanno dichiarato oggi il capogruppo regionale di Fratelli d’Italia Matteo Rosso e il vicepresidente del consiglio comunale di Genova Stefano Balleari (capolista alle amministrative 2017 per FdI) in merito a “Life festival-persone oltre il genere” che si tiene al Teatro della Tosse di Genova con il patrocinio di Comune e Città metropolitana.

“La giunta Doria-Crivello – hanno aggiunto Rosso e Balleari – evidentemente non sa più dove andare a parare per intercettare voti e per farlo non esita neppure a concedere il patrocinio del Comune e della città metropolitana di Genova a un ciclo di spettacoli teatrali, di dubbio gusto, dedicati alla cultura gender, teoria che la sinistra ci vorrebbe far credere che non esista.


Riteniamo che aver concesso il patrocinio della più importante istituzione cittadina a una rassegna pseudoculturale, che già nella brochure evoca immagini a dir poco equivoche, sia vergognoso e grave.

La direzione artistica di un teatro è liberissima di scegliere il calendario di iniziative che vuole, ma è molto grave che un sindaco vada a tagliare il nastro di una rassegna teatrale chiaramente e dichiaratamente ‘gender’ e che prevede addirittura ‘laboratori per bambini’.

Il sindaco Doria, nei suoi cinque anni di mandato, avrebbe fatto meglio a dedicarsi allo studio di provvedimenti a favore delle tante famiglie in difficoltà e a quei nuclei familiari numerosi che oggi si sentono totalmente abbandonati dalle istituzioni nella crescita dei propri figli, anziché promuovere rassegne teatrali che rischiano di minare l’istituto della famiglia, pilastro della nostra società così come stabilito dalla Costituzione, e costituiscono una minaccia per una sana crescita dei nostri figli”.

 

5 COMMENTI

  1. Ma dato che Genova è veramente piccola e tutti conoscono tutti ,ma non hanno vergogna a parlare certe persone?Del tipo faccio finta di avere la famiglia del Mulino Bianco e poi ho da anni una relazione omosessuale. Fate pace con voi stessi e sarete più credibili.

  2. Simona Morando: Secondo me gettare fango sulle persone, insinuando fatti e circostanze senza avere elementi di prova, come sembrerebbe abbia fatto lei, appare offensivo e non è giusto. Inoltre, se lo si fa pubblicamente si può rischiare una querela per diffamazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here