Rossetti: Toti blocca progetti orientamento e non pensa ai giovani

2
CONDIVIDI
Il vice presidente del consiglio regionale Pippo Rossetti (Pd) attacca giunta Toti su giovani e formazione
Il vice presidente del consiglio regionale Pippo Rossetti (Pd) attacca giunta Toti su giovani e formazione
Il vice presidente del consiglio regionale Pippo Rossetti (Pd) attacca giunta Toti su giovani e formazione

GENOVA. 24 MAR. “Siamo allibiti dalla risposta dell’assessore Ilaria Cavo sull’interruzione dei progetti Orions e Arios in materia di orientamento scolastico e al mondo del lavoro. L’esponente della giunta, dopo aver elogiato queste attività – parliamo di seminari gratuiti dedicati agli studenti delle scuole superiori – ha liquidato la faccenda sostenendo che, visto che si tratta di progetti della Città Metropolitana (che non ha più soldi per finanziarli) e la Regione non può farci nulla. Forse, ammette l’assessore, qualcosa potrebbe saltar fuori il prossimo anno, ma, in sostanza “Cavo ghe pensi mi” lascia tutto com’è  e non fornisce alcuna risposta. Questo nonostante le richieste che arrivano dalle famiglie, dagli istituti scolastici della Regione e dall’Università: un grido di dolore di cui il Pd ha voluto farsi portavoce. Forse l’assessore ligure non si è resa conto che gli studenti della Città Metropolitana sono comunque studenti della Regione Liguria”.

Il vice presidente del consiglio regionale Pippo Rossetti (Pd) oggi ha attaccato la giunta Toti sui progetti di orientamento destinati ai giovani.

“Tanto per avere un’idea dell’importanza di questo servizio ha aggiunto Rossetti – vorrei ricordare che, l’edizione 2015/2016 del progetto Arios ha visto l’adesione di 24 istituti scolastici superiori con la partecipazione di circa mille studenti e l’organizzazione di 164 stage, mentre la quinta edizione del progetto Orions (anno scolastico 2015/16) ha visto l’adesione di 36 istituti scolastici superiori genovesi con un totale di circa 4985 studenti con l’organizzazione di 105 seminari. Inoltre la Città Metropolitana aveva chiesto alla Regione, alla fine dell’anno scorso, l’autorizzazione all’utilizzo dei residui Por 2007/13 per finanziare i progetti di orientamento. Ma dalla giunta Toti non è mai arrivata alcuna risposta”.

 

 

2 COMMENTI

  1. Ma sti comunisti…quando la smetteranno di creare mangiatoie e fonti per avere voti? Lavoro? L’hanno distrutto proprio loro che dovrebbero….crearlo bastonando di tasse chi potrebbe assumere ed i citrulli che li votano sono contenti di fare i disoccupati!

LASCIA UN COMMENTO